Tg regionali, Amalia Bruni: "Un errore chiudere da gennaio l'edizione della notte. La Calabria ha bisogno di maggiore e buona informazione, non di tagli indiscriminati"

"Non è proprio una bella idea quella dell'amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes di tagliare l'edizione della notte dei tg regionali. In questo modo si spegnerebbe la presenza del servizio pubblico sul territorio per quasi dodici ore, dalle 19e30 della sera alle sette del mattino. Un'assurdità". Non usa mezze misure Amalia Bruni, leader dell'opposizione in Consiglio regionale nel commentare la notizia secondo la quale l'amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes avrebbe deciso la soppressione dei tg regionali della notte da gennaio. "Chiudere una finestra importante di informazione in un momento assai delicato come quello che il nostro Paese sta vivendo a causa della pandemia, sarebbe davvero fuori luogo e senza alcuna motivazione valida.

Sappiamo bene quanto sia importante l'informazione, soprattutto quella locale fornita dal servizio pubblico per tenere a bada le fake news e far giungere alle comunità locali notizie certe su argomenti di vitale importanza come quelle sull'andamento epidemiologico e le relative misure per contrastare la pandemia. In momenti terribili come questi le sedi regionali vanno tutelate e possibilmente rinforzate con uomini e mezzi. E' questo il compito del servizio pubblico. Noi calabresi abbiamo già visto in altri ambiti dove porta la logica del risparmio dissennato e privo di criterio, a far circolare sempre più ambulanze del 118 senza medico a bordo per carenza di personale. Non credo sia il caso di bissare anche con i tg regionali".