Turismo archeologico subacqueo, Nesci visita stand: "Con CIS investimento su risorse del nostro ambiente"

La Sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci ha visitato lo stand della Regione Calabria alla XXIII Borsa Mediterranea del turismo che si tiene a Paestum, a margine del suo intervento alla prima Conferenza sul turismo archeologico subacqueo.

"La Calabria è un territorio che, dal punto di vista del turismo archeologico, partecipa da protagonista all'interno del panorama nazionale ed estero", ha dichiarato. "La nostra storia e la nostra cultura, raccolte nei centri museali e nelle aree archeologiche della regione, rappresentano un patrimonio straordinario che dobbiamo continuare a promuovere e valorizzare. Sono lieta", ha aggiunto Nesci, "di poter apprezzare le realtà culturali del territorio presenti alla Borsa che si stanno sempre più affermando, come il Castello di Bivona o il Tempio di Apollo Aleo, la città di Reggio e il Parco di Sibari. Un pensiero particolare al Polo museale di Soriano Calabro, per la prima volta presente a questo appuntamento. Con il CIS Calabria abbiamo voluto investire proprio sulle nostre risorse ambientali, turistiche e culturali per favorire lo sviluppo. Anche dal punto di vista del turismo archeologico subacqueo, con l'area marina di Capo Rizzuto, o quelle di Capo Colonna, Capo Pellegrino e Capo Cimini, la nostra regione - ha concluso Nesci - può offrire un contributo straordinario sia in termini di reperti che di bellezza dei fondali".