Progetto attentato al figlio di Gratteri, Primavera della Calabria: "'Ndrangheta feroce e spregiudicata"

"Le dichiarazioni dell'ex boss di 'ndrangheta oggi collaboratore di giustizia Antonio Cataldo sono inquietanti e ci mettono con violenza davanti agli occhi la realtà di una criminalità organizzata calabrese feroce e spregiudicata, contro la quale non dobbiamo neppure per un istante abbassare la guardia. Al procuratore Nicola Gratteri e alla sua famiglia tutta la nostra vicinanza e solidarietà. Lo ribadiamo con profonda convinzione: noi stiamo dalla parte di Gratteri e dalla parte di tutti coloro che non si piegano. Arrivare a progettare l'attentato alla vita di un giovane per sabotare l'azione di Gratteri ci ricorda che la 'ndrangheta non si è messa il doppio petto e non è sparita sol perché volutamente taciuta nell'agenda politica e mediatica: è violenza, sopraffazione, resta il veleno ed è il primo male di questa terra. Mafia e zona grigia in Calabria hanno paura di chi all'interno delle istituzioni opera con la schiena dritta e senza compromessi. La più concreta manifestazione di vicinanza a Gratteri, agli uomini della sua scorta e a tutti i magistrati e forze dell'ordine impegnati nella lotta quotidiana alla massondrangheta consiste nell'associare alla loro azione l'impegno personale e quotidiano nelle istituzioni e nella società civile per sradicare mafia e mentalità mafiosa, per bloccare quei meccanismi di ricatto, condizionamento e clientela che della massondrangheta costituiscono terreno fertile e garanzia di sopravvivenza."

E' quanto dichiarano Anna Falcone, Pietro Tarasi, Rosario Piccioni, Marina Neri, Carmelo Giuseppe Nucera candidati lista "de Magistris Presidente".