Regionali, Zingaretti in Calabria per sostenere Amalia Bruni: "Unica candidatura che può fermare la vittoria della destra"

zingaretti nicola"C'è solo una candidatura che può fermare la vittoria della destra in questa regione, ed è quella di Amalia Bruni. Lancio quindi un appello con il cuore per una scelta di campo per salvare la Calabria". Lo ha affermato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a Catanzaro per un'iniziativa a sostegno della candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Calabria, Amalia, Bruni, nell'ambito della festa dell'Unità regionale del Pd calabrese.

"Ho vissuto e ho anche avuto il Covid e - ha proseguito Zingaretti parlando con i giornalisti - mi sono accorto che il Covid cambia anche a seconda di chi governa il territorio. Nei territori governati male si vive peggio e si rischia di non vivere più, lo dicono i dati scientifici. Quindi, il tema del buongoverno non è una variabile indipendente dal tema della qualità della vita. Per questo ci vuole Amalia Bruni, che è un'eccellenza che ha fatto la scelta di vita di restare nella sua terra per farla lievitare nel campo della ricerca, della medicina, e della sanità". "Stanno arrivando miliardi e miliardi di euro in Italia, e - ha rilevato il presidente della Regione Lazio - ci sarà, com'è giusto che sia, una competizione tra territori, progetti, opportunità, e quindi avere nei prossimi anni una Calabria libera e centrata sull'amore di chi è rimasta qui a combattere da scienziata, è un valore aggiunto".

Zingaretti si sofferma anche sulle divisioni nel campo del centrosinistra, che alle Regionali in Calabria schiera tre candidati (oltre alla Bruni, l'ex governatore Mario Oliverio e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris). "Ognuno ha diritto ad esprimere le proprie idee, anzi - ha rilevato Zingaretti - in una democrazia è importante che ci siano idee diverse, perché la democrazia è il confronto tra le idee. Ma poi ci sono i sistemi elettorali, e nei sistemi elettorali soprattutto maggioritari a turno unico si vota per esprimere un'opinione. Amalia Bruni ha sette liste, quindi una grande ricchezza e un grande pluralismo, ma insieme a questa ricchezza c'è la forza dell'unità, altrimenti sono voti persi, anzi per certi versi, a prescindere dalla volontà di chi si candida, producono l'effetto posto, fanno cioè vincere quello più lontano dalle tue idee. Da qui al 3 ottobre la partita in Calabria è apertissima. Io sono qui per dire ai calabresi 'unitevi sull'unica possibilità di far vincere un'area di centrosinistra' qual è la Bruni, perché altrimenti - ha concluso il presidente della Regione Lazio - la frammentazione, che è una dannazione della cultura della sinistra, produce l'effetto opposto. Il mio è un appello al voto utile non per noi, ma per la Calabria e i calabresi".