Covid, Longo: "Chiusura scuole inevitabile per vaccinazione di massa. Deciderà Spirlì"

longo cittadella regionale"Per procedere alla vaccinazione di massa e' inevitabile" la chiusura delle scuole in Calabria. Cosi' il commissario ad acta della sanita' calabrese, Guido Longo, parlando con i giornalisti a margine della riunione dell'Unita' di crisi anti Covid-19 in programma questa mattina nella sede della Regione, con riferimento alla possibile chiusura delle scuole in Calabria. "Mi sembra inevitabile, ma questa - ha specificato Longo - non e' una decisione che riguarda me come commissario ad acta ma il presidente Spirli' e la Giunta".

"Stiamo incrementando il piano vaccinale, cercheremo di aumentare i punti vaccinali, che gia' sono in numero di 78 ma pensiamo di aumentarli a 100 o piu' di cento. Stiamo lavorando - ha proseguito Longo - con la Protezione civile, perche' il presidente Spirli' ha organizzato l'Unita' di crisi che si riunisce quotidianamente per controllare l'andamento del piano vaccinale e apportare le ovvie modifiche a seconda delle situazioni che emergono quotidianamente. Stiamo aumentando il numero delle vaccinazioni, gradualmente stiamo andando a regime. Coinvolgeremo inevitabilmente i sindaci con la Protezione civile e quella secondo me - ha proseguito il commissario della sanita' calabrese - dara' una svolta decisiva e determinante per un incremento notevole dei vaccini quotidiani. Insieme agli over 80 con il presidente abbiamo previsto le categorie fragili, sia ricoverati sia non ricoverati. Passeremo poi ai lavori ritenuti indispensabili per la comunita' e che prevedono un diuturno contatto con la popolazione e poi procederemo con gli insegnanti di ogni ordine e grado perche' - ha concluso Longo - dobbiamo garantire all'istruzione un andamento piu' o meno normale".