Corbelli (Diritti Civili) al governo Draghi: "Chiudete le scuole prima che sia troppo tardi"

"Fermatevi! Fermatevi! Fermatevi! Chiudete le scuole! Chiudete le scuole! Prima che sia troppo tardi"! E' l'appello, più volte ripetuto, testualmente, che il leader di Diritti Civili, Franco Corbelli, rivolge, dalla popolare pagina Fb del suo Movimento, al Premier Draghi, al Governo, al Cts e all'Iss e, per quanto riguarda la Calabria, al Presidente Spirlì. "La situazione purtroppo è drammatica con migliaia e migliaia di contagi e centinaia e centinaia di morti ogni giorno. L'Italia sta per raggiungere quota 100mila decessi! Una catastrofe umanitaria! Non basta la Dad nei soli istituti superiori, vanno chiuse tutte le scuole per scongiurare una strage di contagi tra i bambini, i ragazzi e i docenti nelle scuole. Bisogna chiudere tutte le scuole almeno per questo mese di marzo, per fronteggiare la diffusione della variante inglese che, come hanno previsto tutti gli esperti, durante le prossime settimane sarà dominante anche in Italia. Per questo occorre intervenire subito, senza perdere altro tempo. Non bisogna aspettare che si contagino prima i bambini per poi intervenire e chiudere le scuole. Non si possono mandare al massacro milioni di studenti e di insegnanti, mettendo a forte rischio loro e le loro famiglie. Per questo è necessario e assolutamente urgente intervenire subito chiudendo tutte le scuole per scongiurare una vera strage di contagi, con conseguenze che potrebbero essere devastanti e letali! Non si possono invitare gli italiani a evitare contatti con persone estranee all'ambito familiare e a raccomandare loro di stare a casa il più possibile e poi lasciare ancora aperte solo le scuole, mentre di fatto si chiude tutto il Paese. Per questo dico al Premier Draghi, al Governo, all'Iss e al Cts e per quanto riguarda la Calabria, al Governatore Spirlì, che difendo per gli attacchi ignobili che sta ricevendo sui social: Fermatevi! Fermatevi! Fermatevi! Chiudete le scuole! Chiudete le scuole! Prima che sia troppo tardi"!