De Magistris e le possibili alleanze in Calabria: "Mi rivolgo alle forze civiche che vogliono un vero cambiamento"

demagistris-luigi-"E' presto per parlare di alleanze, comunque mi rivolgo alle forze civiche e ai movimenti e a chi vuole davvero il cambiamento". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, è già in Calabria, regione nella quale ha lavorato da molti anni come magistrato a Catanzaro, città nella quale ha conosciuto la moglie Mariateresa. All'AGI conferma di essere già in contatto con molte persone che ha conosciuto negli anni. Ha ufficializzato stamane la decisione di correre per la guida di quella che considera la sua regione d'adozione, "ma ho sciolto - dice - la riserva già nella serata di ieri". Le sue inchieste da sostituto procuratore della Repubblica del capoluogo calabrese sollevarono molte polemiche politiche, ma gli valsero anche il sostegno di comitati e movimenti spontanei. E' da lì, si intuisce, che intende ripartire, confermando quanto scritto nel comunicato seguito all'ufficializzazione della sua candidatura.

"Sto sentendo molti amici - dice - riallacciando rapporti che ho costruito negli anni. Sicuramente non mi rivolgo ai partiti ma a quelle forze civiche che possono accompagnarmi in un processo di cambiamento, secondo lo schema che mi ha portato alla vittoria come sindaco di Napoli". Nei prossimi giorni avrà molti incontri per definire il suo schieramento, ma le alleanze non saranno quelle dei partiti tradizionali. Intanto incassa il sostegno del Movimento per la rinascita del Pci e l'unità dei comunisti, secondo il quale "la candidatura di Luigi De Magistris offre una grande occasione ai calabresi puliti e onesti che credono ancora nella possibilita' di una rinascita e di una liberazione della nostra terra". Con il centrodestra e il centrosinistra ancora al palo, quella del sindaco di Napoli è la prima candidatura ufficiale in vista dell'appuntamento con le urne dell'11 aprile. Il lavoro dell'ex pm di Catanzaro è già iniziato.

"Adesso comincia un cammino e comincia con le donne e gli uomini della Calabria. Lo schema però che ho in mente è più o meno simile a quello con cui è iniziata anche l'avventura a Napoli. Io mi rivolgo alle persone, alla gente. Non è populismo, sono quelli che votano e devono contare. Non mi farò includere in uno schieramento liturgico della politica tradizionale, non sono un candidato di centrosinistra". Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris parlando alla TgR Calabria della sua candidatura alla presidenza della Regione Calabria. "Sono un candidato - ha aggiunto - che parla a tutti e a tutte perché questa è la mia voglia, questo è il mio entusiasmo, di rappresentare la Calabria e la sua voglia di riscatto. Nelle prossime settimane, nei prossimi giorni farò tanti incontri e costruire insieme alleanze, convergenze e candidature ma non saranno di apparato, di ceto politico tradizionale". "Se finisce l'esperienza di sindaco a Napoli? No assolutamente - ha aggiunto - comincia una grande avventura che mi affascina, mi appassiona, una sfida fatta di amore e anche un po' di follia perché sembra impossibile ma niente è impossibile. Ma continuerò a fare il sindaco sicuramente sino all'elezione, facendo magari una specie di tandem a sud".

(Foto Ansa)