Recovery Plan, Magorno: "Uniti per non lasciare indietro la Calabria"

"È il momento di fare squadra e attivare ogni strumento possibile per colmare questo gravissimo vuoto di memoria che ha subito la Calabria nel Recovery plan.

Il fatto che siano spariti investimenti cruciali per l'alta velocità, per la rete portuale e in particolare per l'hub di Gioia Tauro, l'assenza di ogni minima progettualità per la rete infrastrutturale e logistica della nostra regione non può essere accettata. Ho già annunciato che, in assenza di dovute correzioni, come già fatto con il decreto Calabria sono intenzionato a non votare il piano. Ora, credo che non solo debbano scendere in campo tutti i parlamentari calabresi ma anche le altre articolazioni istituzionali, a partire dall'Anci. L'associazione dei Comuni ben sa quanto questa dimenticanza senza precedenti possa complicare la vita dei calabresi e impedirci di consegnare alla "next generation" calabrese qualcosa di concreto che vada oltre le inutili dichiarazioni d'intenti. Molti sindaci hanno già fatto sentire la propria voce di protesta. Credo che un intervento vigoroso da parte dell'Anci possa essere determinante per dare concretezza a una battaglia di giustizia e di verità finalizzata a riscattare il destino della nostra terra che, evidentemente nei piani del Governo, può essere condannata all'irrilevanza, ignorando però che senza il traino del Sud il nostro Paese continuerà ad arretrare rispetto all'Europa ed al resto del mondo".