Commissario alla Sanità: Miozzo a un passo dalla nomina, ma "l'accordo non si è chiuso"

miozzoagostinoSi va verso la nomina di Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, come commissario alla Sanità in Calabria, ma ancora "non si è chiuso" l'accordo. E' quanto dicono a fine giornata fonti di governo, confermando le indiscrezioni trapelate fin dalla notte di martedì, quando il premier Giuseppe Conte e il ministro della Salute Roberto Speranza hanno deciso di sondare la disponibilità di Miozzo a ricoprire l'incarico. Nuovi contatti con il coordinatore del Cts e tutti i soggetti coinvolti ci sarebbero stati ancora in tarda serata, ma non c'è ancora l'ufficialità della scelta. Una volta siglato l'accordo, la nomina dovrà comunque passare dal Consiglio dei ministri.

"Il commissario - ha detto il ministro per il Sud, Giuseppe Povenzano - deve avere il compito di rifondare la sanità calabrese. La Calabria non è una causa persa, ma è una delle cause dove dobbiamo mettere il massimo dell'impegno".  

"Il governo - ha attaccato Matteo Salvini - si dia una mossa, siamo al quinto nome che ha detto no grazie. Come commissario prendessero un bravo medico, professore, scommettiamo sulla Calabria. Miozzo sarebbe una follia". Così il leader della Lega intervenendo a Omnibus su La7.

"E' evidente che ci sono delle difficoltà nel trovare il nuovo commissario alla Sanità della Calabria. Nel nostro Paese si purtroppo si tende a non dare forza al merito e alla competenze, c'è un corto circuito in questo e si vede da come è stato selezionato chi sta nel Cts e da altre situazioni. Quindi non mi stupisco che non si trovi una persona per il ruolo di commissario. Siamo il Paese che negli ultimi 30 anni non ha stabilito delle regole chiare per premiare il merito". Lo afferma all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e membro dell'Unità di crisi Covid-19 della Liguria.