‘Ndrangheta, “Krimisa”: torna in carcere consigliere comunale

Enzo Misiano, ex consigliere comunale di Ferno (Varese) coinvolto nell'inchiesta "Krimisa" della Dda di Milano sulla locale dell'Ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo, e' stato arrestato dai carabinieri in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Dodicesima Sezione Penale del Tribunale di Milano. La nuova ordinanza annulla la decisione del Gip del Tribunale di Milano emessa il 28 aprile del 2020, con la quale all'indagato erano stati concessi i domiciliari. Il consigliere comunale, ritenuto vicino alla 'Ndrangheta "operante da anni sul territorio di Milano e zone limitrofe e costituita da numerose locali", si legge nel dispositivo, dava all'associazione un presunto "contributo di tipo intellettivo, capacita' che non risulta compromessa". Secondo i giudici, "non puo' fornirsi alcuna prognosi favorevole al fatto che rispettera' le prescrizioni proprie della misura domiciliare, tenuto conto dell'indole inaffidabile palesata" e anche in relazione "alle capacita' delinquenziali dimostrate".