‘Cura Italia’, Abate (M5S): “Presentato maxi-emendamento per i settori Florovivaismo e Pesca”

"Ho presentato un maxi-emendamento al decreto "Cura Italia" riferito ai settori del Florovivaismo e della Pesca/Acquacoltura. Relativamente alle aziende del settore florovivaistico ho chiesto di prevedere anche per queste la sospensione dei versamenti di ritenute e valutare la possibilità di accesso credito di imposta per spese energetiche sostenute dalla filiera ed interventi finalizzati con fondi Ismea prevedendo la proroga del bonus verde anche per il 2021 con un aumento dell'ammontare complessivo oggetto di detrazione. Mentre già nel testo base del decreto, come Movimento 5 Stelle, avevamo fortemente voluto che i prodotti del Florovivaismo fossero inclusi tra quelli per i quali è permessa la vendita comprendendo anche semi, piante e fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti. S'è così scongiurata sia la perdita del prodotto, che sarebbe finito al macero, e sia la perdita economica da parte delle aziende di quello che è un comparto vitale per settore agricolo raccogliendo così le reiterate richieste del settore pervenute attraverso le associazioni di settore.

"Sempre nel mio maxi-emendamento all'articolo 78 del decreto legge oggetto dell'esame in Senato, per quanto riguarda il settore della Pesca, ho chiesto di prevedere che le risorse messe a disposizione della filiera col "Cura Italia" siano erogabili anche mediante lo strumento del credito di imposta e di sospendere il pagamento dei canoni delle concessioni demaniali marittime per le attività di pesca e acquacoltura da parte di imprese, cooperative e loro consorzi. Al fine di assicurare la ripresa economica e produttiva alle imprese agricole, della pesca e dell'acquacoltura che abbiano subito danni diretti o indiretti derivanti dall'emergenza COVID-19, ho chiesto che siano concessi mutui a tasso zero, della durata non superiore a 15 anni, finalizzati alla estinzione dei debiti bancari, in capo alle stesse, in essere al 31 gennaio 2020. Per questa misura è istituito, infatti, nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali un fondo rotativo con una dotazione di 30 milioni di euro per l'anno 2020. Per la gestione del fondo rotativo, invece, il Ministero è autorizzato all'apertura di apposita contabilità speciale. E ho chiesto, infine, che vengano integrate alcune pratiche commerciali sleale per evitare che possano profittare di questa situazione legata al COVID-19. Sempre in questo settore si deve prevedere che le certificazioni e i collaudi dei motopescherecci adibiti alla pesca professionale, rilasciati da amministrazioni statali e enti di classificazione navale, scaduti da non oltre dodici mesi o in scadenza alla data di entrata in vigore della presente legge, siano prorogati al 31 dicembre 2020, per garantire l'operatività dei motopescherecci, che altrimenti si troverebbero impediti all'esercizio della loro attività per l'impossibilità, in questo periodo, di effettuare collaudi o avere certificazioni da parte degli enti di classificazione. Ma il mio lavoro riguarda anche gli altri settori. L'Agricoltura e la Pesca sono, insieme al turismo, i settori su cui si muove il motore economico dell'Italia e dobbiamo proteggerli con ogni azione possibile". E' quanto si legge in una nota di Rosa Silvana Abate, senatrice e capogruppo M5S in commissione Agricoltura.