Arena (Mns) : “Piena intesa con la Lega sulla Sanità. Realizziamo un ‘fronte comune’ per il cambiamento”

Il ''grido d'allarme'' lanciato dall'esponente della Lega FrancescoAlfieri per lo stato di estrema crisi e di illegalità ( sciolta da ultimo per infiltrazioni mafiose anche l'Asp di Catanzaro) in cui versa la sanità inCalabria, lo condividiamo pienamente e lo facciamo nostro, ancheperché proviene da un nostro conterraneo e da un professionistamedico a conoscenza del disastro in cui versa il settore''. Loafferma il coordinatore regionale del Movimento Nazionale per laSovranità Domenico Arena che lancia un appello alla Lega, come atutte le altre forze politiche ed associative che si riconoscononell'area di centrodestra, per porre la sanità al primo posto dellepriorità di un auspicabile programma condiviso per il prossimorinnovo dell'Assemblea e del presidente della Regione. L'obiettivo ,così come è stato enunciato nel documento programmatico comunein via di definizione trail Movimento Nazionale per la Sovranità e Fratelli d'Italianell'ambito del ''patto federativo'' sottoscritto tra i due Movimenti,è quello di sospendere il commissariamento e lottare per la revoca del decreto sanità che, bloccando il turnover del personale sanitario, ha ulteriormente ridotto l'efficienza della sanità calabrese favorendo la migrazione sanitaria e quindi aumentando l'indebitamento della Regione Calabria verso altre regioni.

Urge una immediata riqualificazione della rete ospedaliera, la destinazione di maggiori posti letto per i ricoveri urgenti richiesti dal pronto soccorso, una maggiore attenzione alla medicina preventiva, alla medicina generale ed ai servizi territoriali. Infine andranno trovati nuovi manager anche in considerazione delle ultime gestioni fallimentari delle Asp.

Questo percorso riorganizzativo dovrà essere comunque partecipato con gli Entilocali, organi istituzionali eletti di prossimità, per fare emergere le vereesigenze ed i bisogni dei cittadini calabresi.

Il vero cambiamento in Calabria passa anche attraverso un regolarefunzionamento dei servizi sanitari e ospedalieri: bisogna creare,anche per tale obiettivo, un ''fronte comune'' credibile edaffidabile, al servizio del popolo e nel rispetto, sempre, della suasovranità. Tale ''fronte comune'' parte dal ''patto federativo'' tral'MNS e Fratelli d'Italia, per allargarsi, auspicabilmente, alla Legae a tutte le altre forze politiche ed associative del centrodestra. Entro ottobre prossimo, - conclude Arena - nell'ambito del coordinamento regionale Mnsa cura del Dipartimento Sanità guidato dal dott. Raffaele Mancini, sarà organizzato un apposito seminario sulla Sanità per analizzare il presente e formulare risposte concrete.