Agorà
 

Presentato a Crotone il romanzo di Mario Decima “Il sole sull’Acropoli”

Il protagonista del secondo appuntamento con "Natale d'Autore", la rassegna promossa dall'Assessorato alla Cultura, che si è tenuto ieri sera, è stato Mario Decima con il suo "Il Sole sull'Acropoli".

Alla presenza di un numeroso e partecipe pubblico, nella Sala Margherita, l'architetto – scrittore ha presentato il suo ultimo romanzo ambientato nella Kroton di Milone e Pitagora, al tempo delle guerre con Locri e Sibari e del massimo splendore della odierna Crotone.

Ancora una volta questo "costruttore con le parole" è riuscito a realizzare un'opera avvincente e gradevole curando in particolare le figure dei protagonisti, disegnandole con le loro virtù ed anche con i loro difetti.

Una storia d'amore calata al tempo della Magna Grecia, ma anche una storia moderna dove i protagonisti vivono le difficoltà del quotidiano, costruiscono con fatica il proprio futuro, hanno dei sogni da realizzare, curano le ferite che la vita provoca.

Dopo essersi dedicato alla pubblicazione di favole per ragazzi ma che contengono una morale anche per gli adulti, tra cui i "due diavoletti" che ha ricevuto numerosi premi a livello nazionale, Mario Decima ha dedicato la sua attenzione e la sua creatività a Kroton con un particolare sentimento d'amore per la Crotone di oggi.

Uno sguardo al passato con un ponte lanciato sul presente e sul futuro con una passione ed un amore dichiarato, anche nel corso della serata, per la sua Crotone.

Nel corso della serata è intervenuta Loredana Chiriaco che ha letto l'introduzione del libro e già dall'incipit si comprende l'intenzione dell'autore: parlare ai suo lettori attraverso i personaggi del racconto, che con il loro impegno quotidiano, contribuiscono a "costruire" luoghi e a creare comunità.

Un romanzo "gentile" così come gentile il suo autore che, così come i suoi numerosi volumi, ha realizzato anche la copertina essendo oltre che scrittore anche artista.

Prossimo appuntamento con Natale d'Autore il 10 dicembre alle ore 16.45 alla Sala Covelli della Casa della Cultura con Francesco Marando e il suo "Eracle, le fatiche dell'uomo"