Agorà
 

“Mirabilia. Lo stupore della vita” di Antonio Morabito, un viaggio filosofico contemporaneo. Il 28 ottobre la presentazione a Reggio Calabria

«La capacità di meravigliarsi nonostante tutto resta uno dei misteri della vita; le note musicali, una sinfonia, la perfezione e il fascino della lirica, le rime di una poesia, l'immensità di un'opera d'arte e la bellezza degli esseri umani. Ma anche le debolezze e l'incertezza. Lo stupore dinnanzi alla grettezza, agli egoismi, alle invidie e alle cattiverie e reagire ad essi sono possibilità che la vita ci offre. L'amore interminabile della propria famiglia, la tenerezza delle vere amicizie, la carezza di chi ti vuole veramente bene, la fede in Dio, i dubbi e le incertezze sono parte essenziale di queste meraviglie».
Il nuovo libro di Antonio Morabito, scrittore e diplomatico originario di Gallina, quartiere collinare di Reggio Calabria, dal titolo "Mirabilia. Stupore della Vita" (edizioni Falzea), indaga l'esistenza umana ponendola sotto la lente di filosofi e scrittori del passato, autentici interpreti anche della complessa modernità. Un viaggio intenso per riscoprire e riconquistare una meraviglia che, pur avendo assunto anche nuovi aspetti, molti dei quali anche da governare, non smette di essere un'essenziale fonte di stupore e di vita.
Il volume, impreziosito dalle vivaci pennellate dell'artista Michele Praticò, sarà presentato nella città di origine dell'autore, Reggio Calabria, giovedì 28 ottobre alle ore 17 a palazzo Alvaro, nell'ambito dell'iniziativa promossa congiuntamente dalla fondazione Giuseppe Marino e dalla Fondazione Mediterranea, con il patrocinio della Città Metropolitana.

Interverranno per conversare con l'autore Antonio Morabito, Antonio Marino ed Enzo Vitale, rispettivamente presidenti delle fondazioni Giuseppe Marino e Mediterranea, l'avvocato Giovanna Cusumano, don Pasqualino Catanese, vicario generale dell'arcidiocesi Reggio Calabria - Bova, e l'ambasciatore Mario Palma, anche lui un figlio del Sud.
La presentazione sarà impreziosita dagli interventi musicali della cantattrice Erica Filocamo.