Agorà
 

Alla Pinacoteca Civica la mostra “La pittura del Settecento a Reggio tra Accademie e Scuole di pittura”

Nonostante le evidenti difficoltà legate al problematico momento storico,si avvia alla conclusione la realizzazione del Progetto relativo ad un importante evento espositivo che vedrà la città di Reggio ospitare, negli eleganti ambienti della Pinacoteca civica messi a disposizione dall'Amministrazione, la mostra La pittura del Settecento a Reggio tra Accademie e Scuole .

Finanziata dalla Regione Calabria a valere sui fondi PAC 2014-2020, l'iniziativa ha il patrocinio dell'Amministrazione civica e della Città Metropolitana di Reggio Calabria, della Soprintendenza della Città Metropolitana e della Provincia di Vibo ed il Segretariato Regionale ai beni culturali della Calabria,la Diocesi di Reggio Calabria – Bova,la Deputazione di Storia patria per la Calabria.

La scelta del luogo appare simbolica se si considera la rilevanza delle collezioni che la Pinacoteca oggi conserva, testimonianza di una storia non solo artistica ma più specificamente culturale della città, frutto di generosi lasciti di benemeriti cittadini e di lungimiranti acquisti dell'Amministrazione ottocentesca.

Eventi culturali collaterali arricchiranno l'offerta della Mostra con collegamenti in rete,conferenze,presentazioni del Catalogo.

Focus della mostra sarà la Reggio del '700, una città alla periferia del Regno borbonico che, dopo la depressione socio-economica dei secoli precedenti, conosce un rinnovato impulso economico: protagonista del nuovo clima culturale ed artistico è un' intraprendente borghesia che sempre più e meglio affianca la più antica nobiltà terriera nella crescita urbanistica, civile e culturale della città.

Queste le coordinate che fanno da sfondo alla Reggio e agli artisti che della mostra saranno protagonisti, i reggini Antonino Cilea e Vincenzo Cannizzaro.

L'evento si avvale di un ampio Comitato scientifico e si realizza grazie alla collaborazione di Enti di grande prestigio, non solo nazionale, quali la romana Accademia di San Luca e la parmense Galleria nazionale del Complesso Monumentale della Pilotta,di musei ed enti religiosi calabresi. Gli studiosi impegnati

nel progetto sono personalità di sicuro spessore che alla conoscenza del Settecento europeo, italiano e meridionale hanno fornito fondamentali contributi di approfondimento: tra gli altri le proff. Valenti Prosperi Rodinò e Barbara Guerrieri Borsoi, i proff. Marcello Fagiolo e Renato Ruotolo, il dott. Gioacchino Barbera, la dr.ssa Grazia Musolino, la dott.ssa Daniela Vinci storico d'arte della Soprintendenza per i Beni AA.BB.CC. della Città Metropolitana di Reggio, la Direttrice del Museo diocesano Lucia Lojacono.

I curatori della Mostra e del Catalogo, prof. Rosa Maria Cagliostro, prof. Mario Panarello e dr. M. Teresa Sorrenti, intendono,con questa iniziativa, creare un'occasione importante per "rileggere". alla luce di nuove testimonianze documentarie e stimolanti confronti stilistici, testi figurativi noti e poco noti di maestri che nella Reggio settecentesca avevano gloriosa rinomanza ed offrire ad un vasto pubblico, e non solo agli addetti ai lavori, qualche utile spunto di riflessione sull'importanza del patrimonio artistico reggino, anche a fini turistico culturali,i cui protagonisti hanno dato e danno prestigio alla storia dell'arte nazionale.

"Il nostro più vivo ringraziamento va a quanti hanno reso possibile questa sfida in un tempo incredibilmente difficile per qualunque intrapresa oltre che per la vita quotidiana di tutti noi".