Vibo Valentia
 

Il 19 e 20 ottobre la prima Fiera dei Musei della Magna Grecia e della Sicilia

Continuano le celebrazioni per il 50° anniversario dell'istituzione del Museo Archeologico Nazionale "Vito Capialbi" di Vibo Valentia, afferente al Polo museale della Calabria. Dopo l'importante convegno scientifico svoltosi nei giorni del 6 e 7 Luglio scorsi, si offrirà un'altra importante occasione di conoscenza del patrimonio archeologico, nelle giornate del 19 e 20 ottobre. In queste giornate, lo sguardo sarà rivolto all'intera Italia Meridionale con un'attenzione particolare verso i luoghi della cultura che ospitano le importanti testimonianze della colonizzazione greca, di cui la polis di Hipponion costituiva il centro geografico.

Con questa I Fiera dei Musei della Magna Grecia e della Sicilia, ogni museo partecipante illustrerà il proprio patrimonio archeologico,divenendo così occasione condivisa di conoscenza delle testimonianze di ciascun museo attraverso l'esposizione di materiale divulgativo e la presentazione di un contributo relativo ad un particolare e significativo reperto o contesto archeologico. Tra gli obiettivi della Fiera quello di promuovere i siti e le destinazioni di richiamo archeologico tra gli operatori turistici e culturali, i viaggiatori e gli appassionati; negli spazi aperti del castello, saranno infatti allestiti degli stand, ove i musei potranno informare i visitatori attraverso materiale illustrativo cartaceo e multimediale. In tale occasione, domenica 20 alle ore 10:30, sarà realizzato un workshop che vedrà coinvolti istituzioni museali, enti pubblici e tour operator, per avviare un processo di sinergia tra turismo e cultura che possa conferire, attraverso le nuove tecnologie, maggiore attrattività al prodotto turistico con una promozione integrata di luoghi, eventi, prodotti e servizi. Nel corso della manifestazione sarà presentato il progetto VIBO IN BUS promosso dalla Pro-Loco di Vibo Valentia e dall'APRT Calabria; il progetto ha come fine quello di incentivare l'uso dei mezzi pubblici attraverso la diffusione di volantini e brochure informativi nei quali sono indicati gli orari e i collegamenti, urbani ed extraurbani, della provincia.