Vibo Valentia
 

'Ndrangheta, faida nelle Preserre vibonesi: 12 a giudizio

tribunale togaSono 12 le persone coinvolte nel tentato omicidio di Giovanni Nesci e del fratello dodicenne affetto dalla sindrome di down nelle Preserre Vibonese e rinviati a giudizio oggi davanti al Tribunale di Vibo Valentia per i reati di tentato omicidio aggravato dalle modalita' mafiose, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, ricettazione, spari in luogo pubblico.

Alla sbarra: Viola Inzillo, Rosa Inzillo, Antonio Farina, Michele Nardo, Gaetano Muller, Vincenzo Cocciolo, Teresa Inzillo, Maria Rosaria Battaglia, Salvatore Emmanuele, Michele Ida', Domenico Inzillo e Ferdinando Bartone, tutti di Sorianello e Gerocarne.

Il fatto di sangue è avvenuto il 28 luglio dello scorso anno nell'ambito dello scontro fra le "famiglie" Inzillo e Nesci di Sorianello, a loro volta inserite e collegate alla faida in atto da anni sul territorio fra i clan Emanuele da un lato e Loielo dall'altro.