Reggio Calabria
 

Reggio Calabria, Uil-Fpl sui buoni pasto dei dipendenti destinati ai bisognosi: "Posizione altri sindacati incomprensibile. No a strumentalizzazioni"

"Questa O.S. è venuta a conoscenza tramite gli Organi di stampa di un singolare comunicato diramato da alcune sigle sindacali unitamente a una parte della Rsu in merito alla decisione dell'Amministrazione della Città Metropolitana di destinare l'equivalente economico dei buoni pasto dei dipendenti ai nostri concittadini più bisognosi.

La UIL, pur nel rispetto delle altre sigle, non ha alcuna remora nel bollare tale posizione quale incomprensibile sotto il profilo umano e tecnico-sindacale, infatti in un momento così difficile e delicato per il Paese è antitetico che si tenti di strumentalizzare iniziative cui, invece, ci si sarebbe dovuto associare senza remora alcuna.

È giusto, ad onor del vero, fare chiarezza in merito al cosiddetto "dirottamento delle risorse economiche" destinate ai buoni pasto non oggettivamente fruiti dai dipendenti della Città Metropolitana

L'Amministrazione, a nostro avviso, non ha penalizzato i propri dipendenti sottraendo loro spettanze dirottandole a favore delle fasce deboli, poiche' tali economie, visto il Regolamento interno dell'Ente approvato il 24 febbraio 2020,che disciplina l'adozione del "lavoro agile" all'art 12 è previsto testualmente che: "nelle giornate di lavoro agile non è riconosciuto il buono pasto".

Quindi, plasticamente chiunque può desumere per tabulas che tali risorse non potevano essere destinate ai lavoratori che prestano l'attività lavorativa mediante tale strumento flessibile e di conseguenza queste economie sarebbero rientrate, inequivocabilmente, a far parte del bilancio della città metropolitana.

Infine, a parere di questa Segreteria, non è, altresì, corretto quanto affermato e sostenuto da parte di alcuni dirigenti sindacali, relativamente alla circostanza che i lavoratori erano all'oscuro della decisione di che trattasi, in quanto giorno 1 aprile 2020 gli stessi sono stati puntualmente e formalmente informati della scelta assunta dall'Amministrazione tramite comunicazione a firma del suo Vice Sindaco.

L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo deve unire le forze in campo e non dividerle, altrimenti si rischierebbe un inutile, dannoso e strumentale "tutti contro tutti" che non appartiene alla storia ed alla grande tradizione sindacale confederale ed e' per questo motivo che ci sentiamo plaudendo, di fare nostra l'iniziativa posta in essere dall'Amministrazione della Città Metropolitana". Lo si legge in una nota della Uil-Fpl.