Reggio Calabria
 

Reggio, il 27 febbraio l’Anpi dedica il terzo appuntamento della “Lunga notte della Repubblica” ai Moti e alla strage di Gioia Tauro

Alle 17.08 di mercoledì 22 luglio del 1970, a distanza di pochi mesi dalla strage di piazza Fontana del 12 dicembre 1969, nei pressi della stazione di Gioia Tauro, un treno (il "Treno del Sole") proveniente da Palermo deraglia, provocando 6 morti e cinquanta feriti. Come molti ricordano, gli "incidenti" e gli "attentati ai treni" sono stati numerosi nella nostra storia ed hanno provocato terribili stragi. La strage di Gioia Tauro si colloca tra Piazza Fontana e i "moti di Reggio Calabria" ed è stata oggetto di servizi giornalistici, di libri e di inchieste giudiziarie.

Alla strage di Gioia Tauro, ai moti di Reggio Calabria, alla strategia della tensione ed ai tentativi di eversione neofascista, l'ANPI di Reggio Calabria, in sinergia con la Città Metropolitana ed il Comune di Reggio Calabria, dedica il terzo appuntamento del ciclo di conversazioni/seminari sulla "Lunga notte della Repubblica", programma mirato a ricostruire/interpretare alcune delle numerose stragi che hanno segnato/accompagnato la storia della nostra Repubblica, fin dal suo inizio.

L' Associazione dei Partigiani ha rivolto e rivolge un invito ai cittadini, alle organizzazioni politico-sindacali ed ai movimenti, a partecipare e ad intervenire nel dibattito previsto, al termine della relazione e degli interventi programmati. La CGIL del Comprensorio di Reggio Calabria-Locri, la "Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo" e l'ARCI di Reggio Calabria hanno dato adesione all'iniziativa, annunziando uno specifico contributo nel corso del dibattito.

L'appuntamento è programmato per le ore 16.30 di giovedì 27 febbraio 2020, presso la sala "Gilda Trisolini" di Palazzo Alvaro, sede della Città Metropolitana, a Reggio Calabria.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco, Giuseppe Falcomatà, svolgerà la relazione introduttiva il magistrato Vincenzo Macrì. Interverranno Diego Cilio, della Segreteria dell'ANPI, e il giornalista Raffaele Malito. I lavori saranno coordinati da Giuggi Palmenta, dell'ARCI di Reggio Calabria. Seguirà il dibattito che verrà concluso dal Presidente dell'Associazione, Sandro Vitale.