Reggio Calabria
 

Reggio, presentato il libro “Un futuro di ritorno” di Natina Cristiano

Giorno 16 ottobre 2019, presso il Palazzo Corrado Alvaro della Città Metropolitana di Reggio Calabria, si è svolta la presentazione del libro "Un futuro di ritorno" di Natina Cristiano.
Il service si colloca all'interno del progetto Giovani che ingloba diversi ambiti tematici tra i quali la legalità, i diritti e la salute e che il Distretto Leo 108 Ya ha inteso sviluppare per l'anno sociale 2019/2020.
L'evento è stato organizzato dal Leo Club Vittoria G.S. Porcelli in collaborazione con il Lions Reggio Calabria Host, il Leo club Villa San Giovanni Cenide e il Rotaract Parallelo 38 di Reggio Calabria.
Protagonista della serata l'autrice del libro, nonché presidente della Sezione di Reggio Calabria della Federazione Nazionale Insegnanti, prof.ssa Natina Cristiano la quale ha condiviso, insieme ai presidenti delle associazioni partecipanti, Chiara Manti, Nicola Pavone, Chiara Palermo e Lavinia Zema il progetto internazionale "Marco e Alberto Ippolito".

L'iniziativa, promossa e sviluppata da diversi anni, ha consentito la realizzazione di una scuola europea che ha rivoluzionato l'insegnamento tradizionale. Il progetto è rivolto ai giovani d'Europa e del Nord America affinché possano, nonostante le svantaggiose condizioni di partenza, esercitare il diritto allo studio, diritto sociale che, oltre a richiedere un intervento statale capace di rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana, merita l'attenzione di associazioni come i Lions, i Leo e i Rotaract che, operando sul territorio, affrontano problematiche che rappresentano il riflesso dell'attuale comunità sociale.
Durante il dibattito, avvenuto in seguito alla presentazione del libro, sono stati affrontati aspetti complessi e delicati descrittivi della condizione dei giovani della società contemporanea.
Distratti dall'uso delle applicazioni della messagistica moderna, interessati ad intrattenere relazioni virtuali e ossessionati dalla volontà di rimodellare artificialmente ogni aspetto della vita quotidiana, i giovani di oggi sprofondano in una condizione di incertezza e di insoddisfazione in cui non c'è più spazio per la cultura e per il dialogo.
Alcuni interventi degli ospiti presenti in sala hanno sollevato la problematica legata alla prassi sociale che vede ogni relazione decomporsi e ricomporsi in modo vacillante, fluido e volatile a discapito di una vita che non è in grado di conservare a lungo una rotta. Si è fotografata così una realtà che ha perso dei contorni definiti e certi, in preda ad un decadimento valoriale, spesso derivante dall'assenza di attenzioni da parte della famiglia che rappresenta la prima formazione sociale con cui l'individuo viene a contatto.
I clubs partecipanti, in occasione di una serata dedicata interamente alla cultura, strutturata come un vero e proprio viaggio nella scrittura e nella poesia, hanno contribuito alla raccolta fondi per lo sviluppo del progetto internazionale attraverso la vendita del libro pubblicato dall'editore Leo Iiriti, presente al dibattito.
L'evento ha visto anche la partecipazione di una giovane cantante reggina, Lavinia Macheda, che ha intrattenuto il pubblico con l'interpretazione canora dei testi "Che sarà" e "Giovani d'Europa".