Reggio Calabria
 

Dieni (M5S): "Fare tutto il possibile per evitare la chiusura dell'hospice"

dienifederica 500"E' necessario fare tutto il possibile per scongiurare la chiusura dell'Hospice Via delle Stelle di Reggio Calabria. La citta' non puo' essere privata di un presidio sanitario di primaria importanza". E' quanto afferma, in una nota, la deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni.

"La Fondazione Via delle Stelle, ente gestore della struttura - prosegue Dieni - ha comunicato ai commissari regionale e dell'Asp, ai ministeri competenti, al prefetto e al sindaco l'imminente stop delle attivita' del centro a partire dal prossimo 15 luglio. Si tratta di una eventualita' drammatica, in considerazione dell'imprescindibile servizio che l'Hospice, ormai da anni, assicura ai malati terminali. La fine delle attivita' della struttura sarebbe l'ennesima sconfitta di un sistema provinciale gia' alle prese con una gravissima emergenza sanitaria, che si unisce in modo drammatico alla crisi economica dell'Asp, in stato di effettivo dissesto".

"Faro' quanto in mio potere - sostiene ancora la deputata del M5s - per evitare un simile, tragico, scenario. Allo stesso tempo auspico che le istituzioni interessate si adoperino fin da subito per evitare la chiusura della struttura. Reggio, la sua provincia e tutti quei pazienti che da anni ricevono cure specialistiche non possono subire questa ulteriore privazione".

Poi, a proposito del Dl Calabria, aggiunge: "Presto farà sentire i suoi effetti su un sistema sanitario regionale per troppo tempo trascurato dallo Stato e affidato alle "cure" di una classe politica regionale incapace e inconcludente. In questi ultimi giorni e settimane – prosegue la deputata –, ho registrato dure prese di posizione da parte di forze politiche contrarie a prescindere e, da ultimo, dei sindacati. Le organizzazioni di categoria, giustamente, pongono l'accento sulla necessità di garantire i servizi e, dunque, il via libera alle assunzioni di personale medico e infermieristico. Sono certa che il Decreto, diventato legge meno di un mese fa, riuscirà a rendere effettivo lo sblocco del turnover e ad assicurare la copertura del personale, soprattutto nei settori dell'emergenza-urgenza".

"I ritardi nelle procedure – continua Dieni – sono innegabili e pertanto chiedo al commissario Cotticelli di usare i poteri di cui dispone per attuare al più presto le misure incluse nel provvedimento voluto da questo governo. Sono altresì certa che i frutti di questo Decreto si vedranno molto presto. Tengo inoltre a ricordare che l'intervento dell'esecutivo nazionale è stato dettato dalla profonda crisi in cui era sprofondata la sanità calabrese, il cui disavanzo economico aveva fatto scattare un nuovo blocco del turnover che sarebbe stato fatale per l'intero sistema regionale. Il Decreto – conclude la deputata 5 stelle – ha invece scongiurato questa ipotesi: il governo è riuscito a fissare una deroga e adesso non resta che attendere l'attuazione concreta di quei provvedimenti da cui dipende l'erogazione di servizi sanitari all'altezza dei bisogni dei calabresi".