Reggio Calabria
 

Festa della Liberazione, il presidente Irto omaggia la Stele del Partigiano: "Memoria storica indispensabile"

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, ha reso omaggio questa mattina alla Stele del Partigiano di Reggio Calabria, nell'ambito delle celebrazioni per la Festa del 25 aprile organizzate dall'Anpi. Il rappresentante del parlamento regionale ha ricordato "la fondamentale importanza di questa ricorrenza per la nostra storia patria. Oggi festeggiamo la liberazione dell'Italia dall'oppressione nazi-fascista, onoriamo i partigiani che hanno versato il loro sangue per darci la possibilità di vivere in uno Stato libero e democratico e, soprattutto, alimentiamo la memoria storica. Un elemento, quest'ultimo, indispensabile specie tra le giovani generazioni per far sì che l'Italia si proietti verso una dimensione di compiuta democrazia e verso il pieno dispiegarsi dei principi e dei valori della Costituzione, messi in pericolo dall'insinuarsi di nuove forme di intolleranza e da una politica troppo spesso priva di filtri e rivolta a soddisfare gli istinti più brutali delle masse".

Il presidente Irto ha aggiunto: "Viviamo un'epoca difficile, segnata da gravi episodi di xenofobia, di razzismo, di omofobia e di violenza, che riportano pericolosamente indietro le lancette del tempo. Guai a sottovalutare i segnali che arrivano dalla nostra società, in seno alla quale continuano a crescere forme di malessere, rabbia e paura da cui traggono nutrimento il populismo e la demagogia che minano alla base la nostra democrazia. La politica - ha aggiunto Nicola Irto - non deve cavalcare il malessere ma vincerlo con le armi del lavoro e della giustizia".

"Il 25 aprile è perciò una festa attuale, che unisce la Nazione attorno all'antifascismo, i cui valori appartengono indistintamente a ciascuna a e ciascuno di noi. Oggi il modo migliore per onorare la memoria dei Partigiani e celebrare la festa della Liberazione è salvaguardare il nucleo profondo della Costituzione, i cui principi fondamentali sono intangibili e non sono mai stati messi in discussione nelle ultime proposte di revisione della nostra Magna Charta. Ma alcuni di quei principi, tra i quali l'uguaglianza dei cittadini e l'unità e indivisibilità della Nazione, sono minacciati da proposte inaccettabili come quella dell'autonomia differenziata delle Regioni. Il nostro dovere - ha proseguito Nicola Irto - è di tutelare l'unità del Paese e i livelli essenziali delle prestazioni sociali per tutti: solo così riusciremo a essere degni dei partigiani che ci hanno consegnato l'Italia nella quale viviamo, che pur con tutti i suoi limiti e le sue difficoltà, è diventata una delle grandi potenze industriali, libere e democratiche del mondo". Il presidente del Consiglio regionale ha ringraziato l'Associazione nazionale dei partigiani d'Italia "per l'insostituibile lavoro che svolge quotidianamente al fine di custodire l'eredità preziosa della lotta partigiana e per salvaguardare la nostra Costituzione".