Reggio Calabria
 

Reggio, dal Coordinamento Liste Civiche bordate contro Falcomatà: "Un abuso permanente"

"Dunque il famoso sindaco della Svolta e della nuova primavera di Reggio , in uno con i silenti ed impercettibili assessori e con la complicità di genuflessi funzionari comunali, che, come gli zeri della poesia di Trilussa, pur seguendo l' uno, restano comunque ,sempre, inutilmente, zero, andrà a giudizio per i reati più infamanti che, dopo il peculato, si possano addebitare ad un sindaco : abuso di ufficio e falso".
Lo afferma l'avvocato Salvatore Chindemi, responsabile del CLC, coordinamento liste civiche di Reggio Calabria.

"Qualcuno, essendosi sottratto , al tempo dovuto, alle vaccinazioni che immunizzano dall' ingenuità e dal candore, ipotizza un sindaco asfissiato dalla vergogna ed irremovibilmente determinato alle dimissioni dall' incarico , ignorando, totalmente, la vera natura del nostro pariniano "giovin signore", nato già frusto e con il cinismo marcato , chiaramente, nella doppia elica del proprio Dna.

Ma gli abusi e i falsi risiedono solo in quelli intercettati dalla Procura e cristallizzati nelle imputazioni del prossimo giudizio, od esistono anche, o sopratutto, quelli silenti o di bassa intensità acustica che non integrano, forse , condotte penalmente punibili ma sono più infidi , subdoli e nocivi?

Diamo spazio ai fatti. Trasferire il proprio studio legale, peraltro composto, per lo più , da soggetti iper-sprovveduti e connotati da incredibile analfabetismo politico ed amministrativo, si può considerare un prerogativa del sindaco o si ipotizza un autentico abuso?

Costituire, affidandosi al fato , fantasmagorici e circensi staff sindacali, allestiti assemblando e farcendo una pittoresca e falotica umanità, il cui unico talento staziona in qualche rapporto parentale o nel consenso veicolato in campagna elettorale, e' classificabile come un abuso ?

Nominare un semi-parente come amministratore di società partecipate e di poi , sadicamente, liquidarlo appena questi accenna ad una minima , quanto fondata , critica, costituisce un abuso?

Indicare come consulenti dei bandi europei un parente ed una gentile signora e di poi scaricarli, entrambi, precipitosamente, allorquando si appura trattarsi di un finanziere arrestato per concussione, il primo, e di una condannata ( in primo grado ) ad un anno e quattro mesi per falso ideologico, la seconda, che tipo di abuso configura ?

Tentare maldestramente ed illegalmente di collocare ai vertici Atam un compagno di partito, saldando un debito elettorale, può definirsi un abuso o configura invece una chiara ipotesi di voto di scambio ?

Ipotizzare di far trasferire una dipendente ( nuora , a detta della Procura, di un boss) da un altro comune limitrofo, di poi sciolto per mafia, ( che conferiva incarichi diretti e super retribuiti alla propria consorte) a quello del capoluogo che dirige, e' un abuso o che definizione alternativa occorre coniare?

Eliminare cinicamente il migliore assessore della propria giunta colpevole di aver mostrato , sul campo, talento e correttezza, qualità costituenti un insopportabilmente lesione al proprio disturbo narcisistico, possiamo contabilizzarlo fra gli abusi ?

Distribuire incarichi e piccole prebende , finalizzati ad un bieco quanto osceno elettoralismo , non significa abusare, in modo cinico e spregiudicato, di una umanita' tanto belante quanto degradata ?

Lasciare una città , per un tempo interminabile, con strade ridotte a mulattiere e poi "magicamente" reperire risorse per asfaltarne solo alcune in prossimità della campagna elettorale, strategicamente individuate in modo chiaramente strumentale , che grado di abuso vogliamo classificarlo?

Piegarsi supinamente ai voleri del ras regionale , anche lui, oggi, in disgrazia e tristemente confinato nello sperduto borgo natio, svendendo una struttura vitale come l'aeroporto, per privilegiare spudoratamente quello lametino, non rappresenta un macro abuso ed un intollerabile disprezzo delle esigenze della propria comunità ?

Non essere più in grado di veicolare ( dopo la cacciata della Marciano' ) risorse vitali per lo sviluppo del territorio, " bucando" , per incredibile e manifesta incapacità, una infinita' di bandi, regionali ed europei , incrementando a dismisura il già ossessionante debito dell'ente, è un abuso, o concretizza un delitto politico, non "patteggiabile" ? "Ragionare sulla regolamentazione " della città metropolitana con soggetti oggi ristretti , per poi rinnegarli " ruspandogli " addirittura la sede associativa, forse per cancellare, maldestramente, il ricordo di gioiosi incontri settembrini, a che livello di abuso e' collocabile? "Per amor di lettore", interrompiamo qui ( omettendo di elencare, fra le altre perle , le incredibili telefonate per promettere " lidi" o sostituire lampadine, concedere incredibili licenze edilizie su suolo pubblico ) questo funereo elenco delle infinite nefandezze di questa deleteria sindacatura che, incredibilmente , si osa riproporre per il prossimo quinquennio , ma che accuratamente riprenderemo, tutte e compiutamente, in campagna elettorale. Ma questa città, così vilmente abusata, troverà il coraggio di liberarsi politicamente di questo insolito fenomeno celestiale venuto , a dirla con Dante, " ....dal cielo in terra a miracol mostrare...." o delegherà , come sempre, in modo pilatesco, al giudice penale lo scongelamento di queste amare vicende?".