Reggio Calabria
 

“Reggio, adesso basta”: la Federazione Italiana Lavoratori aderisce al sit-in promosso da Libera

Dopo gli ultimi inqualificabili avvenimenti che hanno visto loro malgrado protagonisti il negozio "Zero Glutine Life", della signora Anna Pontari, e l'asilo comunale "Federico Genoese" la FIL, attraverso il suo Segretario Generale, Giuseppe Martorano, e la Segreteria tutta, vogliono esprimere la propria solidarietà e vicinanza.

"Colpire chi si impegna costantemente, con dedizione al lavoro, significa colpire tutti quei cittadini che, attraverso la loro opera, vogliono riscattare una terra troppo spesso schiacciata dall'arroganza della criminalità organizzata. Reggio Calabria non può più sopportare il fardello della 'ndrangheta che cerca, con la paura, di imporre la propria presenza e le proprie regole. Gli atti intimidatori contro il singolo devono essere sentiti come una violazione della dignità di tutti, solo in questo modo possiamo dare alle generazioni future quella tanto auspicata speranza di cambiamento sociale e culturale". Per questo motivo, la FIL parteciperà al sit-in indetto per mercoledì 21 novembre dal coordinamento di Libera Reggio Calabria.