Reggio Calabria
 

Monasterace (RC): D'Ippolito (M5S) interroga il ministro Costa: “Lavori della frazione marina? Verificare se c’è inquinamento ambientale”

Il deputato M5s Giuseppe d'Ippolito, della commissione Ambiente, ha interrogato il ministro ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, sul progetto di riqualificazione e rifunzionalizzazione urbana della frazione marina del Comune di Monasterace (Rc). In particolare, il deputato 5stelle ha chiesto al ministro Costa «di quali precisi elementi disponga a riguardo e quali iniziative di competenza intenda assumere perverificare che in tutta l'area interessata dai lavori in predicato non vi sia alcuna forma di inquinamento ambientale». Nell'interrogazione il parlamentare ha ricordato d'aver «formalmente chiesto spiegazioni al sindaco del Comune di Monasterace, in uno interessando i consiglieri comunali di lì e, per le rispettive competenze, il dirigente generale del dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria, nonché il procuratore di Locri, al fine di rappresentare quanto appreso a seguito di segnalazione firmata, in particolare in ordine al presunto utilizzo di rifiuti edili in quanto tali, compresi eternit e pannelli di materie plastiche, che sarebbero stati, per quanto dettagliato nell'intesa segnalazione, frantumati e spalmati sull'intera area del cantiere e ricoperti in fretta». D'Ippolito ha altresì precisato che, nella risposta «dello scorso 8 ottobre, il sindaco del Comune di Monasterace ha argomentato per la piena regolarità dei lavori, specificando che gli stessi non necessitano di Via e facendo peraltro riferimento a privati senza scrupolo che a suo dire starebbero cercando di rientrare in possesso di aree interessate dal progetto, occupate abusivamente». Secondo il parlamentare 5stelle, «bisogna verificare i fatti indipendentemente dalle intenzioni, in quanto l'interesse pubblico resta la bussola».