Reggio Calabria
 

Grasso ricorda il giudice Scopelliti: "Ucciso per intimidire i pm"

Grasso Piero 500"Aveva il compito di rappresentare l'accusa nel Maxiprocesso ormai giunto in Cassazione. Antonino Scopelliti fu ucciso il 9 agosto 1991 per fermare il processo e intimidire i magistrati che se ne sarebbero occupati. Mandanti ed esecutori non sono ancora stati individuati. Chi lo fece procurò un grande dolore alla famiglia, a noi colleghi, a tutta l'Italia ma non riuscì nel suo scopo perché, pochi mesi dopo quell'omicidio, la Cassazione emise le sentenze di condanna definitiva ai mafiosi. La memoria di Scopelliti è ancora forte nella sua Calabria: ogni giorno in moltissimi, a partire da sua figlia Rosanna, si impegnano per la legalità e la giustizia." Così Pietro Grasso su Facebook in occasione dell'anniversario dell'omicidio Scopelliti.