Reggio Calabria
 

Reggio. Laboratorio di Lettura innovativo all'ic Falcomatà Archi

All'insegna dello slogan "Chi legge vola, viaggia, sogna..." nella scuola primaria Santa Caterina dell'istituto comprensivo Falcomatà Archi, ad opera delle classi seconde, è stato attivato e sarà inaugurato domani sabato 26 maggio 2018, con inizio alle ore 12:00, un Laboratorio di Lettura innovativo che mira ad un efficace recupero dell'importanza della lettura e del confronto tra il bambino e il libro. Laboratorio che diventerà patrimonio di tutta la scuola. A metterlo in piedi dall'inizio dell'anno scolastico, dall'ideazione, alla progettazione e realizzazione, è stata una squadra formata da genitori e maestre, "tutti complici e attori principali di questa iniziativa", afferma la docente Lorella Emo che ha formato lo staff assieme alle docenti Rosy Albano, Marilena Tortorella, e Alessandra Saraceno. "E' un ambiente attrezzato di tutto ciò che è richiesto dallo scopo principale di dare vita ad una Sala Lettura col cipiglio di un Laboratorio" è scritto nelle motivazioni del progetto, "dove prenderà corpo la magia di un autentico amore che nasce da un vissuto emozionale positivo, mediante il quale la lettura si trasforma in un gioco creativo e coinvolgente".

Alle docenti Lorella Emo, Rosy Albano, Marilena Tortorella, e Alessandra Saraceno, sono andate così, il vivo apprezzamento e le lodi della dirigente dell'ic Falcomatà Archi, dottoressa Serafina Corrado, che ha condiviso l'obiettivo delle seconde classi della primaria di Santa Caterina di "trovare un altro spazio oltre l'aula, allestito adeguatamente, che può connotare la lettura come un momento piacevole e atteso". Avvicinare i bambini alla lettura è da sempre tra gli obiettivi più importanti da coltivare a scuola, ma proporre l'acquisto di libri o leggere loro quello preferito, non è sempre sufficiente. "Avvicinarsi al loro mondo per noi adulti - osservano le docenti - significa anche scoprire il loro stupore, la loro enfatizzata meraviglia, indossare i panni dei personaggi e ripercorrere storie in bilico tra il reale e l'irreale, in un gioco magico che dura dalla notte dei tempi". Ed allora proporre attività di lettura e consumo di libri, ancora rigorosamente di carta, è la riposta più adeguata.

Da questa necessità è nata la realizzazione della sala lettura. Si tratta di un laboratorio "arredato di tanti colori" - è scritto nel progetto illustrativo – all'interno del quale si trovano "qualche cuscino morbido e tanto spazio da vivere comodamente e liberamente mentre qualcuno legge: la maestra, un alunno o magari un genitore, uno scrittore o un personaggio magicamente diventato reale... chissà... ".

E da pura ipotesi si è presto passati ai fatti concreti, perché la Sala Lettura dell'ic Falcomatà Archi ad inizio delle sue attività ospiterà una scrittrice di successo di storie per bambini e adolescenti, cioè quella Teresa Zaccuri che è una docente della stessa scuola reggina.

E agli alunni la maestra Zaccuri presenterà un racconto inedito dal titolo "Profumo di cielo". Racconta di una "stellina " capricciosa che si dichiara volante e non cadente perché lei punta sempre in alto. La notte di San Lorenzo il 10 agosto, attratta dai canti di alcuni ragazzi che animano uno dei tanti falò che si ripetono in questa giornata d'estate, disubbidendo alla mamma, vola e arriva sulla Terra ..... Il seguito del racconto però, lo sapranno intanto gli alunni che ascolteranno nella sala lettura la docente Teresa Zaccuri, e poi i lettori della storia quando diventerà un libro di carta.