Reggio Calabria
 

Di Bari e Bombino insieme per contrastare il fenomeno delle “vacche sacre” nel Reggino

Di Bari Bombino1Continua senza sosta l'impegno della Prefettura di Reggio Calabria nel contrasto al fenomeno delle cosiddette "Vacche Sacre". Questa volta il Prefetto Michele di Bari ha rivolto l'attenzione al versante Jonico aspromontano, anch'esso, afflitto dalla presenza dei bovini vaganti, anche se in misura minore rispetto ai territori della Piana di Gioia Tauro.

Il Prefetto, insieme al Presidente del Parco Nazionale Giuseppe Bombino, ed ai rappresentanti delle Forze dell'Ordine, ha effettuato un sopralluogo ricognitivo nei comprensori di Africo, Samo, Sant'Agata del Bianco e Caraffa del Bianco, finalizzato alla pianificazione di specifici servizi, in continuità con quelli da più settimane già in corso, che saranno attuati in queste zone per la tutela del territorio e l'affermazione della legalità.

Il sopralluogo ricognitivo ha permesso di accertare la presenza di bovini vaganti e di dimensionare al meglio le azioni da mettere in campo, nell'ambito della più ampia strategia di contrasto definita dalla stessa Prefettura in seno al Tavolo interistituzionale promosso dal Prefetto Michele di Bari e coordinata sul campo dal Questore Raffaele Grassi.

L'azione condotta dalla task force in queste settimane si è rivelata particolarmente efficace e rappresenta una risposta ad un pluridecennale problema, particolarmente avvertito dalla cittadinanza.

Durante la "visita" il Prefetto di Bari ed il Presidente Bombino si sono voluti soffermare anche sui luoghi della "Bellezza" del Parco Nazionale dell'Aspromonte, quali il vasto paesaggio della Fiumara La Verde e il borgo di Precacore, dove i giovani riunitisi in Cooperative hanno illustrato al Prefetto il loro impegno nei progetti di valorizzazione promossi dall'Ente Parco.