Reggio Calabria
 

Villa San Giovanni (RC), verso l’avvio dei lavori alla scuola elementare di Pezzo

Venerdì la firma della transazione, che lascia intravedere l'avvio dei lavori alla scuola elementare di Pezzo. Il Sindaco f.f. Maria Grazia Richichi "Esprimo viva soddisfazione per l'imminente ripresa dei lavori al plesso scolastico. Saranno inviati infatti a cura dell'Impresa, i dissuasori sismici per il collaudo all'Università della Basilicata di Potenza e, dopo l'ottenimento dei risultati, che dovrebbe avvenire entro dieci giorni lavorativi si riprenderanno i lavori. Poi le lavorazioni, previste dal cronoprogramma aggiornato, in cento venti giorni per completare le opere di adeguamento sismico".

Come si ricorderà, i lavori sono stati appaltati grazie ad un finanziamento di € 332.264,00 – con fondi POR CALABRIA FESR 20007/2013. Con la deliberazione G.C. N. 118 del 27.06.2014 si approvava il progetto esecutivo e con contratto d'appalto del 05.08.2015 i lavori venivano affidati ad un raggruppamento temporaneo di imprese.

Purtroppo, per una serie di vicissitudini ed il forte ritardo con cui procedevano i lavori, il RUP Ing. Francesco Morabito, in data 21/06/2017, ordinava al Direttore dei Lavori, Ing. Alessandro De Gaetano, di procedere secondo quanto previsto dall'art. 108 D.Lgs 50/2016 comma 3, assegnando un termine di 10 gg. entro i quali l'Impresa doveva riprendere le prestazioni, fermo restando il pagamento delle penali. Lo stesso RUP riteneva che la sospensione portata avanti dall'ATI era arbitraria ed immotivata e che i ritardi accumulati costituivano grave inadempimento alle obbligazioni di contratto, tale da compromettere la buona riuscita dei lavori. Il responsabile del Settore f.f. Geom. Giancarlo Trunfio, preso atto della situazione, emetteva Determina in data 18/09/2017, di risoluzione per grave inadempimento contrattuale, in forza dell'art 119 del DPR 554/99.
In data 16.11.2017 le parti effettuavano un sopralluogo presso il cantiere, allo scopo di verificarne la consistenza, nonché la rimovibilità dei manufatti. Stante l'evidente stato avanzamento del cantiere implicante unicamente, l'inserimento degli isolatori sismici si prendeva atto dell'impossibilità dello sgombero totale del cantiere stesso in ragione della necessità di mantenere i puntelli di sostegno degli elementi strutturali predisposti per il successivo inserimento dei dispositivi antisismici. La Ditta R.T.I. comunicava, a mezzo nota del 21.11.2017, una proposta concreta di atto transattivo, con indicazione specifica e dettagliata dei punti di trattativa.
Si indiceva un tavolo tecnico, che condivideva l'opportunità di portare a compimento le lavorazioni rimaste. Il commissario prefettizio dott. Vittorio Saladino prendeva atto che l'impresa rappresentava nuovamente la volontà di eseguire la totalità dei lavori appaltati ed aggiudicati e, nello specifico, evidenziava di essere disponibile ad una soluzione transattiva della instauranda vertenza, con modulazione dei punti, anche in relazione alle esigenze della parte pubblica.

Veniva, quindi, composta apposita commissione che espletava i propri lavori esitati nel verbale del 07.02.2018 di proposta di Accordo Bonario che, fra l'altro, si concludeva comunque con una penale a carico dell'impresa.

Il Commissario Prefettizio, con delibera del 15/02/2018, prendeva atto delle valutazioni e della proposta della commissione. Il resto è di questi giorni, con l'adozione della determina del 09/04, che approvava la transazione e, di fatto, la ripresa dei lavori.

Il Sindaco f.f. Maria Grazia Richichi che dopo le dimissioni dell'Assessore Loria, in questa fase, ha mantenuto per se le deleghe alla pubblica istruzione e edilizia scolastica ci tiene a ringraziare: "i rappresentanti del Settore Tecnico, il Direttore lavori e il Collaudatore che, con operosità e pazienza, hanno permesso una contrazione rispetto alle prevedibili tempistiche necessarie per l'espletamento di una nuova gara d'appalto, nonché un risparmio di risorse economiche ed umane, tali da consentire la rapida ripresa dei lavori evitando, così, nel contempo l'instaurazione di un contenzioso". "Incrociamo le dita – ancora dichiara - con la speranza che, entro l'anno, finiscano anche le successive opere di finitura fondamentali al fine di restituire alla popolazione studentesca il plesso scolastico interessato dalla cantierizzazione, evitando così il disagio agli studenti ed alle famiglie del quartiere Pezzo".

Va precisato che il Sindaco ff ha partecipato, sin da subito, alle riunioni con il comitato dei genitori e il Commissario Saladino il quale impegnava l'Amministrazione ed i tecnici a portare a termine i lavori entro il 30/09/2018, con questo obiettivo dava indirizzo al Rup e Capo Settore, alla presenza del presidente del C. C. Nino Giustra. Contestualmente veniva dato l'incarico per parere legale. Parere che arrivata nei due giorni successivi, consentendo così al Capo Settore Geom. Trunfio, di sottoscrivere la transazione che mette fine alla vexata-quaestio con l'impresa.

"La scuola elementare di pezzo - dichiara infine Maria Grazia Richichi - ci sta particolarmente a cuore. Abbiamo compiuto tutti gli sforzi economici necessari al fine di poter ripartire, così come aveva voluto il Commissario Saladino, che ringrazio per l'apertura che ha avuto, sin dal mese di novembre, quando ha inteso riprendere le trattative assieme ai tecnici, per scongiurare il contenzioso tra le parti. Un ringraziamento inoltre al comitato dei genitori che ha agito da pungolo costante al fine di ottenere un legittimo diritto. Ora si riparte. Con i responsabili Francesco Morabito, Giancarlo Trunfio e Maria Vincenza Salzone abbiamo fatto quanto necessario per rispondere alle esigenze delle famiglie e degli studenti del popoloso quartiere. Contiamo cosi come dichiarato anche da Saladino, di rispettare il crono programma ovvio che confidiamo nel senso di responsabilità dell'impresa che al tavolo delle trattative si è impegnata di ultimare l'opera così come da accordi. L'obiettivo dell'Amministrazione è quello di mettere al più presto la parola fine su una vicenda tortuosa".