Reggio Calabria
 

Reggio, Giuseppe Laganà riconfermato alla guida della Uilcom

Si è svolto nei giorni scorsi nell'incantevole location della sala congressi dell'E Hotel di Reggio Calabria il V°congresso della Uilcom: la categoria della UIL che associa le lavoratrici ed i lavoratori della comunicazione.

Giuseppe Laganà è stato riconfermato alla guida della categoria anche per il prossimo quadriennio. Lo stesso nel corso della Relazione introduttiva ai lavori, ha toccato tematiche di carattere generale ed altre specifiche della categoria.

"Nel corso del 2017 – ha detto Laganà – si è registrata una crescita lieve dell'occupazione. Una crescita in termini di quantità e non di qualità, su 500000 assunzioni nel corso del 2017 solo 41000 sono state fatte a Tempo indeterminato, il rimanente a tempo determinato. Nel corso dell'anno 2017, con riferimento al primo semestre, 36500 aziende(Dato Cerved), hanno chiuso o sono fallite, lasciando lavoratrici e lavoratori con le rispettive famiglie sul lastrico e senza prospettive se non quella temporale e breve de gli ammortizzatori sociali previsti dalla normativa vigente".

E nello specifico per il settore. "La delicata situazione in Tim attuale - ha detto ancora Laganà - con lo scorporo della Rete in Fase di attuazione per come deliberato dal CdA giorno 6 marzo ultimo scorso e le ricadute occupazionali per i 20000 lavoratori che accederanno nella nuova Società a capitale interamente Tim ma, soprattutto, per i 30000 che rimarranno ad operare nell'attuale TIM ed i 50000 che operano attualmente nell'indotto".

Si è anche argomentato molto sui Call Center e l'attuale stato di frammentazione esistente, sulle gare indette dai Grandi operatori di TLC, sul fenomeno della Delocalizzazione il trasferimento di intere attività all'Estero in danno tutto ciò per i lavoratori operanti in Italia.

Sono intervenuti nel corso dell'Assise Congressuale, impeccabilmente presieduta da Nuccio Azzarà, Segretario Generale UIL CST Reggio Calabria, le aziende presenti ed invitate alcongresso, i Segretari di Categoria della Uil di Reggio Calabria presenti, il Segretario Generale della Uilcom Calabria Fabio Guerriero con un intervento articolato, il Segretario Generale della Uil CST Messina Ivan Tripodi, le delegate ed idelegati presenti.

Ha concluso i lavori il Segretario generale della Uil Calabria Santo Biondo, che ha svolto un'ampia disamina che ha toccato temi generali e di settore apprezzata da tutti i presenti. "Si sta svolgendo in Calabria – ha detto Santo Biondo - una buona fase congressuale, dove si registra una discussione notevole su quelli che sono i temi che riguardano il lavoro, le politiche di sviluppo sul piano nazionale e su quello regionale. In Calabria la fase congressuale serve per ribadire la nostra posizione di forte contrarierà nei confronti del governo regionale, posizione che non è cambiata rispetto al 16 novembre, in quanto non si è registrato da parte della Regione nessun cambio di passo sui temi del lavoro, del sostegno al reddito, sulle politiche di sviluppo, su quelle di contrasto alla povertà e di coesione. La fase congressuale è utile ad affinare una strategia nei confronti dell'amministrazione regionale che sembra, e ci dispiace che sia così, arrivata ormai alla fine".

Il livello della Discussione durante il corso dei lavori è stato molto ampio ed articolato.

Al termine dei lavori è stato eletto il nuovo Consiglio Territoriale della Uilcom di Reggio Calabria. Nella composizione dello stesso vi sono molte donne che costituiscono un valore aggiunto ed una ricchezza per l'intera categoria e per la Uil in genere.

"Noi – ha detto Giuseppe Laganà - abbiamo rispettato, anzi ampliato sul tema donne e parità di genere, le indicazioni pervenuteci dalla Uil credendo nel loro valore a prescindere".

Ad affiancare Giuseppe Laganà nel quadriennio a venire ci saranno: Giuseppe Ielo, segretario organizzativo; Giovanna Cantore, Nazzareno Valenti e Paolo Zumbo in segreteria, Sebastiano Calabrese come tesoriere.

Tutta l'elezione degli organismi è avvenuta con esito unanime.