Reggio Calabria
 

Il Comune di Bova riattiva lo Sportello linguistico

Nel Borgo grecofono di Bova, uno dei più belli d'Italia e insignito dal Ministero per il Turismo Comune "Gioiello d'Italia", è ripresa,nei primi giorni di febbraio, l'attività dello Sportello linguistico nell'ambito del progetto per la valorizzazione della lingua e della cultura dei Greci di Calabria, realizzato ai sensi della Legge 482/99, recante le norme di tutela delle minoranze linguistiche e storiche.
Attraverso tale progetto, denominato "Mythos" e realizzato dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria,sono stati istituiti quattro sportelli linguistici nei comuni di Bova,Condofuri, Roccaforte del Greco e Roghudi, dove gli sportellisti assegnati svolgeranno attività di valorizzazione e promozione della cultura greca di Calabria.
La Città di Bova, capitale culturale civile e morale dei Greci di Calabria, dove ancora oggi si parla l'antica lingua del poeta Omero, riscoperta dal glottologo tedesco Gerhard Rohlfs, che ha dedicato gran parte della sua vita a viaggi studio nei paesi della Calabria greca, ha assegnato come sede per tale attività il Museo della Lingua Greco Calabra, dove lo sportellista incaricato possa,attraverso studi,ricerche e attività di collaborazione anche con lo stesso Comune, valorizzare il patrimonio linguistico e culturale dei Greci di Calabria. Tale attività lo vedrà impegnato soprattutto nel periodo primaverile ed estivo, in quanto l'antico borgo di Bova è sempre più meta del turismo scolastico e di turisti appassionati di storia,cultura e antiche tradizioni.