Reggio Calabria
 

Reggio, “Bene avvio lavori rimozione amianto di Calamizzi”

"L'avvio dei lavori per la rimozione dell'amianto nelle strutture che ospitano l'impianto di manutenzione-convogli di proprietà di Trenitalia nell'area di Calamizzi a Reggio Calabria è un significativo risultato, conseguito in tempi celeri, grazie anche al nostro impegno politico e ad un'azione di sensibilizzazione condotta in sinergia".

E' quanto affermano in una nota congiunta i consiglieri regionali Domenico Battaglia, Giuseppe Neri, Sebi Romeo, Giovanni Nucera e Francesco D'Agostino, i quali a novembre scorso si erano occupati della vicenda, auspicando interventi immediati per lo smaltimento del materiale e per la bonifica dell'area interessata da amianto.

"Le attività di bonifica poste in essere, sono a salvaguardia della salute pubblica, tutelando i cittadini edi lavoratori che prestano servizionel sito di Calamizzi. Gli interventi di rimozione sono anche finalizzati al risanamento ambientale dell'area. Le attività - che verranno concordate con il Settore Spisal dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria - non si esauriranno in breve tempo, considerata la complessità degli interventi che riguardano peraltro un'area piuttosto vasta".

"Nel sito di Calamizzi- evidenziano gli esponenti politici - risultano insistere34 tonnellate di amianto, il cui impiego è stato bandito nel lontano 1992 da una legge nazionale, trattandosi di materiale che può rilasciare fibre potenzialmente inalabili dall'uomo".

"Bisogna dare atto dell'impegno di Antonino Pulitanò (rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza dell'impianto di Manutenzione di Reggio Calabria) il quale nel 2016 ha sollevato la vicenda che ha trovato forte risonanza anche sulla stampa locale e nazionale. E'stato infatti grazie alle denunce sindacali riportate dagli organi di informazione e ad un impegno politico condiviso che ci ha visti in prima linea, se si è riusciti a conseguire questo importante risultato".