Reggio Calabria
 

Registro cittadinanza consapevole, Del Sette: "Onorato di questa possibilità"

à'
Redazione ANSA
REGGIO CALABRIA
18 dicembre 2017
17:10
NEWS
Suggerisci
FacebookTwitterGoogle+
Altri
A-AA+
Stampa
Scrivi alla redazione
Pubblicità 4w

Ora disponibile in Italia
Il gadget spia che devi avere se possiedi un auto.
Maggiori informazioni

Nuova up! Tua da € 9.000
Anticipo 0, TAN 0% - TAEG 2,65% e sistema frenata emergenza
Scopri di più
Archiviato in
Forze Ordine
Di Bari
Gaetano Paci
Ndrangheta Del Sette
Tullio Del Sette
Marco Minniti
Michele
Carabinieri
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 DIC - "Sono onorato per questa accoglienza e per questa opportunità che mi è stata data. Appena ho saputo di questa iniziativa e della firma che avrebbe apposto oggi anche il ministro dell'Interno Marco Minniti, ho chiesto subito di poter essere anch'io tra i firmatari, come Comandante dei Carabinieri, come rappresentante di vertice di questa istituzione dello Stato che quotidianamente è in prima linea, insieme alle altre forze di Polizia, alla Magistratura, alle altre Istituzioni, nella lotta alla criminalità organizzata". Lo ha detto il Comandante generale dell'Arma, Tullio Del Sette che ha apposto la firma, nella Prefettura di Reggio Calabria, al "Registro di cittadinanza consapevole". Accolto da reparti schierati, e accompagnato dai massimi vertici provinciali e regionali dell'Arma, il generale Del Sette è stato affiancato dal prefetto Michele di Bari e dal procuratore aggiunto facente funzioni, Gaetano Paci.

"Noi abbiamo cercato - ha detto - di dare il nostro contributo, con entusiasmo, anche con iniziative nuove, cercando di potenziare la nostra presenza sul territorio. E credo che in questo senso, qui in particolare, in provincia di Reggio ed in tutta la Calabria, grazie alle tantissime iniziative del prefetto Di Bari, che agisce con un entusiasmo che coinvolge tutti quanti, abbiamo cercato di fare e stiamo realizzando il rafforzamento della nostra presenza sul territorio, sia come persone, sia come reparti, sia come qualità delle investigazioni. Tutto questo beneficiando di reparti straordinariamente capaci, come lo squadrone eliportato Cacciatori e di una organizzazione territoriale che sarà ulteriormente sviluppata in questo territorio"