Reggio Calabria
 

Premi ai dg sanità, Dieni (M5S): “Oliverio si assuma le sue responsabilità”

«Non c'è limite all'ipocrisia del governatore Mario Oliverio: prima firma gli atti ufficiali che riconoscono il diritto a un inspiegabile premio economico per i direttori generali delle aziende sanitarie calabresi, e dopo, ma solo in seguito alle rivelazioni della stampa, torna indietro e invita quegli stessi manager a non procedere "avendo riguardo per l'attuale situazione di sofferenza del sistema sanitario regionale». È quanto afferma la deputata del M5S Federica Dieni.
«Il presidente della Regione, con cinque delibere diverse firmate lo scorso 12 ottobre – continua la parlamentare –, ha certificato il raggiungimento degli obiettivi da parte dei dg con percentuali francamente ingiustificabili, stando alle condizioni comatose di tutte le Aziende sanitarie della regione, tra bilanci in forte perdita e incapacità di garantire i livelli essenziali di assistenza. Lo stesso "Tavolo Adduce", che monitora l'attuazione del Piano di rientro, ha rimarcato il fallimento della gestione commissariale e del dipartimento Tutela della salute, per cui, a parte il rapporto di "amicizia" con Oliverio, non si capisce per quale motivo i manager dovrebbero essere incentivati economicamente con premi che potrebbero superare i 100mila euro».
«Il governatore Oliverio – conclude Dieni – invece di provare a nascondere la mano che ha scagliato la pietra, dovrebbe impedire con atti concreti l'attribuzione di quei premi che lui stesso ha autorizzato: annulli con immediatezza, dunque, quelle inaccettabili delibere. E ci risparmi l'ipocrisia istituzionale tipica di chi non sa assumersi le sue responsabilità.