Reggio Calabria
 

Lino, canapa e ginestra per produrre nuovi materiali biocompositi da costruzione: la ricerca di una studentessa della Mediterranea

Lino, canapa, ginestra: le piante bonificatrici dei terreni inquinati da metalli pesanti possono diventare materie prime per produrre nuovi materiali biocompositi da costruzione. 'Amici' dell'ambiente e dotati di buone proprietà meccaniche, potrebbero trovare applicazione in ambiti molto diversi, dal design di interni alla produzione di strutture secondarie di auto e aerei. L'idea, sviluppata dalla ricercatrice Giulia Savoja dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, è tra i dieci progetti vincitori della tredicesima edizione del Premio Innovazione Leonardo. La cerimonia di premiazione si è svolta al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia alla presenza del Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, del rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta e dei vertici di Leonardo, società leader nel settore aerospazio, difesa e sicurezza. "L'obiettivo del progetto era quello di rendere i materiali compositi più sostenibili da un punto di vista ambientale", spiega Savoja.

"Per questo abbiamo pensato di usare tessuti di fibre vegetali facilmente reperibili in Calabria, come lino, canapa e ginestra: li abbiamo immersi in una matrice bioepossidica derivata dalla resina di pino e abbiamo unito il tutto sfruttando sistemi di produzione già presenti sul nostro territorio, perché in uso nel settore della nautica". Le lamine bidimensionali così ottenute sono state sottoposte a diversi test di laboratorio, in cui hanno dimostrato una buona elasticità e una discreta resistenza alla trazione. Alla luce di queste proprietà meccaniche, spiega la ricercatrice, i nuovi materiali biocompositi "potrebbero essere usati per l'interior design, oppure per produrre pannelli e altre piccole strutture per l'ingegneria civile, o ancora le strutture secondarie di auto e aerei".