Reggio Calabria
 

A Reggio il seminario in occasione del 12 anniversario della canonizzazione di San Gaetano Catanoso

Si è svolto domenica 22 ottobre presso la chiesa di San Gaetano Catanoso in via del Gelsomino, un incontro in ricordo di San Gaetano Catanoso in occasione del 12' anniversario della canonizzazione. L'incontro, oltre agli aspetti spirituali e storici ha posto l'accento sulle tante attività che nel nome del Santo vengono portate avanti nel quartiere dove insiste il santuario e non solo.

La serata si è aperta con i saluti di Suor Daniela Maisano, che ha ricordato l'incessante opera della congregazione delle suore Veroniche del Volto Santo, vero fiore all'occhiello delle opere terrene di padre Gaetano. Dopo, la parola è passata al Consigliere metropolitano Filippo Quartuccio, per dei brevi saluti istituzionali.

Successivamente la serata è entrata nel vivo, con una breve introduzione e riflessione storica sulla figura umana e sociale di Padre Gaetano Catanoso, per poi passare al vero piatto forte della serata, la relazione di Mons. Filippo Curatola che ha saputo affascinare i presenti con gli aneddoti di vita vissuta in contatto con il Santo oltre a tracciare uno spaccato del profilo spirituale del Santo Catanoso.

Particolarmente significativa poi la partecipazione delle associazioni coinvolte:

Pasquale Luvarà e Stefano Scappatura - Asd San Gaetano Catanoso, Giovanni Aloi – Xenia, Carlo Caccuri – Gruppo di preghiera di Santa Rita, Ninì Serranò – Centro d'ascolto parrocchiale, Giuseppe Cilione – La Voce Del Sud, che hanno relazionato sulle attività svolte e sui progetti futuri, tra le tante difficoltà che quasi quotidianamente devono affrontare.

Parole di soddisfazione per Domenico Guarna dell 'ass. cult. Il Giardino di Morgana: "E' una serata particolarmente significativa. Il lavoro che è stato svolto in questi mesi inizia a portare i primissimi riscontri. La gente, sempre più partecipe, inizia ad affezionarsi a questi luoghi o se ne riappropria. Le sinergie tra quasi tutte le associazioni del quartiere iniziano a produrre gli effetti sperati, un grazie particolare va a Don Pippo Curatola e Don Salvatore Barreca a tutte le associazioni coinvolte ed alla scultrice Elena Iacopino. Forse l'aria in questo quartiere sta veramente cambiando".