Reggio Calabria
 

Scritte sul Vescovado di Locri, la condanna di Irto: "E' 'ndrangheta a togliere il lavoro"

"Le scritte contro le forze dell'ordine e contro il rappresentante di una meritoria associazione come 'Libera', don Luigi Ciotti, apparse sul muro della sede vescovile di Locri, offendono l'intera Calabria. Le condanno con fermezza, nella certezza che gli inquirenti faranno al più presto luce sulla vicenda, ed esprimo piena solidarietà a don Luigi, alle forze dell'ordine, a Libera e alla Curia di Locri". Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, che aggiunge: "Questo episodio è grave perché si verifica all'indomani di un momento di alto valore e di significato non solo simbolico: la presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Locri, città divenuta capitale del mondo che si ribella alle mafie. L'ho detto più volte e lo ribadisco: la Calabria ha bisogno di occupazione - conclude Irto - ma è proprio la 'ndrangheta a creare condizioni di bisogno e togliere il lavoro ai figli di questa terra".