"La stupidità deriva dall'avere una risposta per ogni cosa. La saggezza deriva dall'avere una domanda per ogni cosa" - Milan Kundera

Il sindaco Falcomatà ed il consigliere Latella: “Buon compleanno Reggina, ben tornata a casa. Tanti auguri per quello che è stato, tanti auguri per quello che sarà”

«Oggi per la nostra Città è una giornata speciale. In occasione del 105esimo anniversario della fondazione della Reggina, gli amaranto tornano a casa, tornano a calcare l'erba dei campi del centro sportivo Sant'Agata, riaccendendo l'entusiasmo di una comunità che segue le gesta sportive di questa squadra, che da più di un secolo ormai fa battere i cuori dei reggini. Quale migliore occasione per festeggiare al meglio il suo compleanno!». E' quanto dichiarano in una nota congiunta il Sindaco Giuseppe Falcomatà e il Consigliere delegato allo Sport della Città di Reggio Calabria Giovanni Latella.

«Nella nostra città la Reggina non è mai stata esclusivamente un fatto legato allo sport. L'amaranto rappresenta da sempre un motivo di orgoglio per la città, un forte collante identitario che ha avuto la capacità ed il merito di portare sempre alto il nome di Reggio Calabria nei contesti nazionali ed internazionali, a prescindere dai risultati sportivi. Una squadra fondata negli anni successivi al terribile terremoto del 1908, quando la Città messa in ginocchio dal terribile sisma, si rialzava lentamente e dignitosamente grazie al grande cuore e alla forza di volontà dei reggini. Da allora la storia della compagine amaranto si è sempre intrecciata con la storia della Città, attraverso due guerre mondiali, gli anni della rivolta e del boom economico, gli anni delle guerre di mafia ed ancora con la brezza dolce della Primavera reggina, della Reggio bella e gentile che varcò per la prima volta nella sua storia le porte della serie A».

«In più di un secolo di storia Reggio e la Reggina hanno attraversato vicende alterne, periodi di crescita, ma anche tanti momenti bui, carichi di difficoltà, anni in cui la nostra comunità ha sofferto, ritrovandosi sempre però attorno ad un simbolo, ad un'immagine, ad una maglia, a quel colore amaranto che nel tempo si è trasformato in una passione autentica, in un sogno, rappresentando l'orgoglio di appartenenza e la voglia di riscatto di un'intera Città che, pure nei momenti più difficili, non ha mai abbassato la testa».

«Ed oggi, dopo un periodo di crisi, superato grazie ai generosi sforzi della famiglia Praticò, al quale va tributato l'abbraccio dell'intera comunità amaranto, ora che le vicende societarie sembrano presagire una prospettiva di rinascita, vogliamo fare i migliori auguri da parte nostra, e della Città, alla nostra squadra e, con essa, a tutta la grande famiglia della Reggina».

«Ai tifosi in primo luogo che, pur nelle alterne vicende sportive che hanno caratterizzato la storia recente della Reggina, non hanno mai smesso di sostenere la squadra, accompagnandola anche nei momenti più difficili; ai calciatori che oggi hanno la fortuna di portare con orgoglio una maglia che rappresenta una tradizione gloriosa ed una storia di passione e di impegno; alla società e al nuovo presidente Gallo, che adesso avrà l'onore di guidare la compagine amaranto mettendo un campo un progetto che tutti speriamo sarà duraturo e vincente. Auguri alla Reggina, auguri a tutti noi. Auguri per quello che la Reggina è stata, auguri per quello che sarà».