"Chiunque ha diritto alla libertà d'opinione e d'espressione, il che implica il diritto di non essere turbato per le proprie opinioni" - Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo

Reggina, l'addio al calcio di Maurizio Poli

poli3di Paolo Ficara - Numero 3 sulla maglia, numero 1 tra i calciatori più amati nella storia della Reggina. La carriera di Maurizio Poli non è proseguita nel 2013, e si è dunque conclusa come difensore centrale del Borgo Santa Maria, in seconda categoria laziale. Non ce ne vogliano i tifosi della sua ultima squadra, nonché quelli di Cuoiopelli, Taranto, Pro Cisterna, Frosinone, Cagliari e Savoia: Maurizio Poli è nostro, è il presidente della repubblica amaranto.

I suoi 11 anni di carriera spesi in riva allo Stretto, contraddistinti da 270 presenze e 5 reti tra il 1990 ed il 2000, lo rendono eterno agli occhi di chi lo ha visto giocare almeno una volta con la maglia della Reggina. Per noi è come se il resto non sia mai esistito: le sue precedenti esperienze, o l'improvvisa cessione del gennaio 2000. La promozione dalla C1 alla B del '94-'95, la prima storica dalla B alla A del '98-'99, e l'esordio in massima serie in contemporanea con la nostra Reggina (lui a 35 anni, gli amaranto dopo 85 anni di storia) costituiscono i traguardi più belli. Sia della sua carriera, sia della nostra storia.

Sabato 1° giugno 2013, a Cisterna, si terrà la partita di addio al calcio giocato per Maurizio Poli, pisano d'origine. L'incasso sarà devoluto in beneficienza ad un'associazione laziale. Siamo sicuri che qualcuno o qualcosa gli ricorderanno di essere un idolo per la tifoseria della Reggina, quel giorno. Ma sarebbe bello anche organizzare qualcosa a Reggio. Nel 2014, la Reggina compirà 100 anni, l'11 gennaio; tre giorni dopo, Poli ne compirà 50. Per il momento non appare intenzionato a rimanere nel mondo del calcio in altre vesti, ma proveremo a fargli cambiare idea.