Coronavirus, altri due casi positivi nel Vibonese

Mascherina1Proviene da Sondrio, ed e' in quarantena sin da quando e' tornato nel Vibonese, l'ultimo caso di Coronavirus registrato sul territorio, il 24esimo dall'inizio dell'epidemia. Si tratta - rendono noto le istituzioni sanitarie locali - di un soggetto residente nel territorio del comune di Parghelia che lavorava al confine tra Lombardia e Svizzera e che e' rientrato in Calabria l'11 marzo scorso, osservando tutte le prescrizioni e mettendosi immediatamente in isolamento volontario dopo aver avvisato le autorita' sanitarie. Un caso, dunque, che non ha sorpreso il Dipartimento di prevenzione che lo monitorava con attenzione fin da quella data e che ha sottoposto il paziente a tampone.

Le sue condizioni sarebbero buone. Nel frattempo, il sindaco Maria Limardo ha annunciato sulla sua pagina Facebook un altro caso di contagio nel territorio comunale di Vibo. Si tratterebbe di una donna che avrebbe avuto contatti con l'anziana di 85 anni attualmente ricoverata in terapia intensiva all'ospedale di Vibo. Con questi ultimi due casi, salgono a 25 le persone positive al Covid-19 nel Vibonese dall'inizio dell'epidemia. Due, tuttavia, sono quelle guarite. Si tratta della coppia di Mesiano di Filandari. Nel frattempo, restano stabili le condizioni dei due pazienti ricoverati in terapia intensiva: un uomo di Fabrizia e appunto, la donna di 85 anni di Vibo. Per quest'ultima, ieri sera, sul web - sempre piu' fucina di fake news - si era diffusa la voce che fosse deceduta, ma la circostanza e' stata prontamente smentita dal direttore sanitario dell'Ospedale "Jazzolino", Michelangelo Miceli. Cosi' come appaiono destituite di ogni fondamento quelle relative alla positivita' di due medici, uno dei quali il figlio dell'ottantacinquenne.