Treno deraglia nel cosentino, Cgil e Filt Cgil: "Problema strutturale, disastro annunciato"

binari galleria"Il deragliamento del treno regionale nella galleria fra Cosenza e Paola non deve sorprendere perché in qualche modo era un disastro già annunciato che poteva essere ancora più drammatico per i lavoratori e gli utenti. Il treno è uscito fuori dai binari per un problema strutturale della linea". E' quanto affermano le segreterie Cgil e Filt Cgil in una nota congiunta.

"Il dramma è che gran parte della rete ferroviaria calabrese può essere a rischio. La CGIL e la Filt già nel 2014 presentarono degli esposti alle Procure della Repubblica calabrese sottolineando il grado di degrado e di abbandono della rete ferroviaria regionale. Per questo riteniamo che questa situazione non può essere più sottovalutata".

"C'è una evidente responsabilità dell'Azienda RFI che non ha investito in modo sufficiente in Calabria e che si mostra responsabile della mancata manutenzione non solo straordinaria ma anche ordinaria della rete. E c'è una responsabilità dei Governi nazionali che dei Patti per il Sud, a cominciare da quello per la Calabria, hanno fatto solo un uso demagogico e strumentale, senza risorse concrete per consentire la messa in sicurezza ed il rilancio del sistema infrastrutturale calabrese e di gran parte del Sud. Anche questi ultimi governi hanno agitato questi strumenti solamente come una clava propagandistica senza investimenti in conto capitale per dare una prospettiva di sviluppo. E c'è una responsabilità della Giunta regionale incapace di agire nei confronti del Governo per ottenere risorse e per garantire sicurezza ai cittadini calabresi ed ai ferrovieri. Si cambi passo, si inverta subito la rotta, si smetta con la propaganda: la Calabria, i lavoratori e i cittadini calabresi hanno bisogno di risposte immediate e concrete".