Letture
 

Rubbettino promuove la collana editoriale "Pedagogia anima mundi"

"Pedagogia anima mundi" è il titolo della nuova collana editoriale appena promossa dalla Rubbettino per contribuire a un profondo cambiamento della cultura nazionale, affidandone la direzione a Mario Caligiuri, uno dei pedagogisti più originali e brillanti degli ultimi anni.
Caligiuri così la spiega: "La democrazia è in crisi e occorre trovare le strategie per ridarle anima e senso. Con tutti i limiti, l'educazione rimane lo strumento principale per mantenere l'uomo al centro dell'universo. Gli studenti e la società sono profondamente cambiati ma noi continuiamo a insegnare nelle scuole e nelle università sostanzialmente come si fa dal Medioevo.
Oggi la pedagogia puo rappresentare la regina delle scienze, a condizione di una trasformazione profonda, aprendosi all'apporto di altri saperi a cominciare dalle neuroscienze e dall'intelligenza artificiale. Non possiamo più formare professioni destinate alla disoccupazione perenne oppure lavoratori che producano un reddito per consumare, alimentando la società della disinformazione e della sorveglianza.
La pedagogia dunque come punto di incontro delle scienze e territorio di costanti sperimentazioni educative. A questo criterio risponde il comitato scientifico della collana che raggruppa studiosi e operatori dell'educazione di livello internazionale. Occorre volare alto per oltrepassare i decrepiti steccati disciplinari che hanno isterilito l'università italiana".
"Una novità editoriale di assoluto rilievo – ha dichiarato l'editore Florindo Rubbettino –sia per l'obiettivo di dare un contributo di rinnovamento alla disciplina, sia per il profilo del Comitato Scientifico e del suo direttore".

Direttore della Collana è appunto Mario Caligiuri, ordinario di pedagogia della comunicazione all'Università della Calabria, intellettuale che da anni anima il dibattito culturale nazionale. Del comitato scientifico fanno parte le principali esponenti della pedagogia italiana: Simonetta Polenghi, Direttrice del Dipartimento di Pedagogia dell'Università "Cattolica" di Milano e Presidente della Società Italiana di Pedagogia, la più prestigiosa associazione del settore; e Maria Grazia Riva, Direttrice del Dipartimento di Scienze Umane per la formazione "Riccardo Massa" dell'Università Milano Bicocca e Presidente della Conferenza Universitaria Nazionale di Scienze della Formazione. C'e poi Raffaella Rumiati della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste, una delle più importanti studiose di neuroscienze cognitive a livello internazionale.
Seguono Andrea Gavosto, Direttore della Fondazione "Giovanni Agnelli" che si occupa in modo costante da anni dell'istruzione in Italia; Claudio Gentili che è stato Direttore Education di Confindustria dal 1992 al 2017, occupandosi costantemente del rapporto tra occupazione e lavoro; Piero Dominici, Fellow della World Academy of Art & Science degli Stati Uniti e Direttore Scientifico del Complexity Education Project dell'Università di Perugia.
Prestigiosa è anche la componente internazionale del Comitato scientifico rappresentata da Derrick De Kerckhove, dell'Università di Toronto, uno degli allievi più noti di Marshall McLuhan; Concepción Naval, Ordinaria di Teoría dell'educazione e già prorettrice dell'Università della Navarra; Ehrenhard Skiera , professore Emerito di Pedagogia generale all'Università tedesca di Flensburg.