Letture
 

Il libro postumo di Tonino Perri

"One of the most touching and highest artistic moment of my life. Yesterday evening we were in a typhography in Lamezia Terme (Calabria), where the poet Tonino Perri passed the last days of his life.".

Questo parte del post pubblicato su FB, sulla sua pagina, da Chiara Malvestiti, soprano, riuscita a ritagliarsi un ruolo internazionale nel mondo del metal, per la serata per la presentazione del libro di Tonino e Salvatore Perri, pubblicato dopo la morte di Tonino Perri, avvenuta all'improvviso, mentre la pubblicazione del libro era in itinere.

Ed è stata una serata emozionante per tutti i presenti perché a tutti è sembrato che lo spirito di Tonino Perri fosse tra di noi, a godere di quella serata svoltasi proprio come lui la aveva immaginata in uno dei tanti incontri in tipografia mentre si lavorava alla pubblicazione del libro.

Tonino Perri aveva deciso di pubblicare questo libro che aveva scritto con il figlio Salvatore ed era felice perchè questo lavoro, come testimoniano le pagine, rappresentava la ritrovata unione con l'adorato figlio.
E' morto all'improvviso e tutto si era fermato ma l'amore è grande e, a volte, più forte della morte stessa.

Dopo pochi giorni della morte, il suo amico di sempre, Enzo Tapuzzano, che sapeva della prossima pubblicazione ha preso in mano le "redini" ed ha continuato a seguire la pubblicazione insieme al figlio di Tonino, Salvatore.

Lavoro attento e certosino che si è concluso con la stampa del libro che è stato presentato in una serata carica di emozioni, bellissima, con tanti amici e parenti a ricordarlo con immenso affetto, più di 150 persone presenti.

Salvatore Perri, co-autore e Tommaso Cozzitorto hanno parlato del libro e di Tonino suscitando parecchia commozione.

Giancarlo Davoli ha letto alcuni passi.

Chiara Malvestiti, la soprano, di cui sopra, insieme allo stesso Salvatore, ha cantato un brano struggente, bellissimo "Mutual Love", che ha fatto venire i brividi tanto da meritare una standing ovation dai presenti.

Fabio Amurri, musicista, compositore di parecchie e note colonne sonore di vari film, li ha accompagnati alle tastiere.

Rosetta Gambarani e Chiara Sacco hanno parlato di questo uomo introverso e, nello stesso tempo, aperto a tutto.

Una serata con parecchi occhi lucidi per la commozione che permeava l'atmosfera tutta.