Fronte del Palco
 

Catanzaro, il 25 aprile lo spettacolo "Vetrine di memoria"

Giovedì 25 aprile, in coincidenza con la Festa della Liberazione, la mostra "Solo per colpa di essere nati" chiuderà i battenti al Complesso San Giovanni con uno spettacolo musico-teatrale sulla Shoah. Dopo aver riscosso grande interesse e partecipazione da parte di scuole e visitatori da tutta la Calabria e non solo, l'evento espositivo promosso dalla 4culture Srls e da E-bag Srl, nell'ultima giornata di apertura al pubblico, ospiterà l'associazione "Compagnia dei Sognattori" che, in collaborazione con il gruppo musicale Klerò Quintet, presenterà "Vetrine di memoria" alle ore 19 nel Chiostro del San Giovanni. L'iniziativa è organizzata con il contributo della Regione Calabria e il patrocinio del Comune di Catanzaro - Assessorato alla Cultura.

Lo spettacolo rappresenta non soltanto un percorso della memoria per ricordare le vittime dell'olocausto e delle leggi razziali, ma anche un monito per le generazioni di oggi e per quelle future affinché non si ripeta mai più l'orrore di cui l'uomo, in passato, è stato artefice.

Gli attori Rosanna Corradino e Antonio Pittelli si caleranno, di volta in volta, nei panni delle vittime di questa immane tragedia interpretando ora i padri, ora le madri, ora i figli varcando idealmente i cancelli di Auschwitz per riconoscere il male che c'è stato. Il racconto sarà animato dalla musica del gruppo composto da Giuseppe Gualtieri (fisarmonica), Alessandro Sansalone (pianoforte), Salvatore Fiorentino (violoncello), Attilio Gualtieri (chitarra) e Gaetano Bongarzone (clarinetto). Si ripercorreranno alcuni scorci di vita di coloro che subirono la deportazione, dalla decisione tedesca dello sterminio al viaggio fino ai campi e poi verso la libertà dei sopravvissuti. Tra serrati virtuosismi e momenti struggenti, sarà così l'occasione per la città di scoprire il malinconico ed esuberante mondo della musica klezmer, il suono polacco della tradizione ebraica.