Fronte del Palco
 

Reggio, sale l’attesa per il concerto di Uri Caine al Parco Ecolandia

È indiscutibilmente uno degli eventi musicali dell'anno in città. Pianista di assoluto livello internazionale, Uri Caine giunge a Reggio dopo l'esibizione ad Umbria Jazz, fattore che impreziosisce ulteriormente il valore delle scelte artistiche del Parco Ecolandia con il Face Festival e la prestigiosa collaborazione del Peperoncino Jazz Festival e del Play music Festival.
Sarà una serata ancora una volta magica, nel suggestivo scenario del Forte Umbertino, con le luci dello Stretto a fare da sfondo. Uri Caine, pianista tra i più autorevoli interpreti del jazz contemporaneo da almeno un ventennio, indiscutibilmente fa parte di quell'olimpo di artisti che rappresentano la bellezza in senso universale e assoluto. Una delle sue più importanti prerogative artistiche prende forma nella sua straordinaria capacità di creare e ricreare richiamando a pagine storiche della musica classica e, allo stesso tempo, di tuffarsi nella migliore contemporaneità statunitense, dote che gli permette di rapide incursioni nella la tradizione e offrire momenti di immensa bellezza e intensità.
Con 33 album all'attivo, tantissime prestigiose collaborazioni con protagonisti del jazz e della musica classica internazionali e premi ricevuti in ogni angolo del mondo, Uri Caine è certamente da considerare uno dei musicisti che, in assoluto, ha contribuito maggiormente ad ampliare e ridefinire il linguaggio jazzistico degli ultimi trent'anni.

Uri Caine Cresciuto a Philadelphia, ha iniziato a studiare pianoforte con Bernard Peiffer e composizione con George Rochberg.
Ha suonato in gruppi guidati da Philly Joe Jones, Hank Mobley, Johnny Coles, Mickey Roker, Odean
Pope, Bootsie Barnes, Bobby Durham e Grover Washington.
Ha frequentato l'Università della Pennsylvania e studiato composizione musicale anche con George
Crumb.
Nello stesso tempo, Caine è riuscito a ritagliarsi un ruolo importante nel circuito classico, proponendo personali rivisitazioni del repertorio europeo dal barocco alle avanguardie.
Attivo a New York dai primi anni 90, Caine si è affermato come strumentista di sintesi, prima accanto al clarinettista Don Byron, in seguito insieme al trombettista Dave Douglas. Con questi autori, egli ha condiviso molteplici progetti. In veste di leader, Uri Caine ha approfondito la formula del trio con basso e batteria; dalle prime incisioni per la JMT fino al recente "Siren" per la Winter&Winter, il pianista di Philadelphia ha ereditato quella cultura enciclopedica, non priva di ironia, propria dei grandi pianisti jazz degli anni Trenta.
Su di un altro versante, l'idea estemporanea di rivitalizzare il repertorio di Mahler con una piccola orchestra si è rivelata vincente. Tanto da indurre Caine a sviluppare una vera e propria area tematica attorno a classici come Bach, Beethoven, Mozart, Schumann, fino alla "Othello Syndrome", tratta da Verdi.
In questi anni ha ricevuto incarichi da diverse istituzioni musicali come la Vienna Volksoper, il Concerto Koln e la American Composers Orchestra. È stato direttore della Biennale Musica di Venezia nel 2003 ed è stato per tre anni "composer in residence" per la Los Angeles Chamber Orchestra.

Mark Helias, celebre bassista e compositore, si è esibito in tutto il mondo per oltre tre decenni. Dopo gli studi alla Rutgers University (BA 1974) e alla Yale School of Music (MM 1976), ha iniziato la sua carriera internazionale nell'Anthony Braxton Quartet. Si è esibito con artisti di fama mondiale tra cui: Edward Blackwell, Anthony Davis, Dewey Redman, Uri Caine, Marcel Khalife, Abbey Lincoln, Oliver Lake, Andrew Cyrille, Marilyn Crispell, Julius Hemphill, Don Byron, Bobby Bradford, Barry Altshul, Ray Anderson, Michael Moore, Don Cherry, Cecil Taylor e Gerry Hemingway.
Prolifico compositore, Helias ha scritto musica per due lungometraggi, nonché composizioni di musica da camera e lavori per ensemble e big band. Il suo Stochasm per orchestra è stato premiato dalla American Composers Orchestra nel 2011.
Ha prodotto molte registrazioni per altri artisti, tra cui Ray Anderson, Tony Malaby, Bobby Previte, Jerome Harris e Mark Dresser.
A partire dal 1984 ha inciso dodici album: Split Image, The Current Set (1987), Desert Blue (1989), Attack The Future (1992), Loopin' the Cool (1995), Fictionary (1998), Come Ahead Back (1998), New School (2001), Verbs of Will (2004), Atomic Clock (2006), Strange Unison (2008), Explicit (2011), The Signal Maker (2015).

Clarence Penn è ritenuto da alcuni critici il batterista più elegante del jazz contemporaneo, uno dei batteristi jazz più richiesti sulla scena newyorkese, scelto da molti per la sua estrema versatilità in tutti i generi di musica. Dal suo approdo a New York, nel 1991, Penn ha posto la propria verve, l'intelletto acuto e l'inebriante musicalità al servizio di un elenco di artisti di prima fascia, fra cui Wynton Marsalis, Richard Galliano, Maria Schneider e Dave Douglasè.

Dal 1991, quando è arrivato a New York City, Penn ha messo la sua miscela unica di intelletto acuto e musicalità inebriante al servizio di una serie impressionante di artisti: una breve lista cronologica include Ellis e Wynton Marsalis, Betty Carter, Stanley Clarke, Steps Ahead, Makoto Ozone, Michael Brecker, Dave Douglas, Maria Schneider, Luciana Souza, Richard Galliano e Fourplay. L'impressionante discografia di Penn comprende diverse centinaia di album in studio (tra cui la 34esima premiazione del Grammy e Lex di Randy Brecker e Concert in the Garden e Sky Blue di Maria Schneider) che rappresentano un'espressione jazzistica a 360 gradi, dopo aver girato in lungo e in largo negli Stati Uniti, le Americhe, l'Europa, il Giappone e il Sud-Est asiatico. Ha composto musica per film e pubblicità e ha prodotto brani per numerosi cantanti nel pop e nelle arene alternative. Ha ottenuto il riconoscimento "Ten Best of 1997" dal New York Times per la sua prima incisione discografica, Penn's Landing.

Laureatosi alla Virginia Commonwealth University, dove era un prodiletto di Ellis Marsalis, Penn è attivo come insegnate e batterista. Dal 2004 al 2012, ha insegnato alla facoltà del Workshop internazionale di Banff in Jazz e musica creativa. È stato anche docente presso lo Stanford Jazz Workshop, il Saint Louis College of Music di Roma, in Italia, e il Jazz al Lincoln Center Intensive Jazz Institute

Clarence è il tipo di musicista che lascia da parte i suoi giudizi sulla musica e i musicisti per fornire il miglior supporto e complemento. Gli importa davvero che tutti sul palco suonino il meglio che possono. Questo spiega perché i risultati siano così grandi con gli straordinari musicisti che porta nei suoi progetti. Fuochi d'artificio! "- Dave Douglas

"Clarence è uno strumentista carismatico, con grande gamma dinamica e drammaticità e musicalità. È un batterista intricato e inebriante che pensa in termini compositivi, ma usa il suo istinto con l'obiettivo di creare qualcosa di eccitante, che si sente vivo ed è pieno di energia e passione. Non ha una concezione limitata di ciò che è il batterista. Certo, guida la band e spinge il tempo, ma sa anche come fermarsi e permettere che le cose accadano... "- Maria Schneider

"Penso che Clarence sia un leader naturale. Ascolta come un produttore. Ha chiarezza e visione. Sente tutto - il basso, le voci alte, il mezzo. Lui capisce l'armonia. Lui capisce i testi. Ha la volontà di risolvere i problemi e capirli. Non rimane tradizionale, ma rende la musica libera e colorata. Giocherei con lui tutti i giorni se potessi. "- Luciana Souza