Firme
 
 
 
 

"Aumento costi politica Amministrazione Falcomatà grida vendetta"

tripodi ivan041016di Ivan Tripodi* - Il direttore de "Il Dispaccio" Claudio Cordova ha pubblicato un puntualissimo e ineccepibile reportage, grazie al quale è emerso, senza se e senza ma, come, al comune di Reggio Calabria, i costi della politica sotto l'amministrazione Falcomatà siano vergognosamente aumentati.

Un aumento che grida vendetta poiché fa il paio con il contestuale ulteriore rincaro degli importi delle tasse e dei tributi comunali deliberati dalla stessa giunta comunale nell'ambito del famigerato sedicente piano di rientro.

Pertanto, a fronte dell'eccesivo diluvio di parole utilizzate nella deludente e disperata replica dell'assessore senza delega Armando Neri, la realtà dei fatti ci dice che è inutile e vano tentare di negare l'evidenza o di confondere le acque: carta canta!!!

E' del tutto evidente come, da parte del coraggioso direttore de "il Dispaccio", non vi sia stata alcuna forzatura o furbata giornalistica.

Infatti, sono stati riportati dati e numeri, nonché date ed importi ufficiali e incontrovertibili dai quali è emerso come la furbata è stata costruita e confezionata dai vertici di Palazzo San Giorgio.

E' stato limpidamente dimostrato che la fallimentare giunta Falcomatà ha aumentato di un cospicuo 20% i costi della politica al comune di Reggio Calabria.

Quanto "scoperto" dal direttore Cordova non ci stupisce assolutamente poiché, come gli attenti osservatori ricorderanno, proprio noi comunisti sfidammo pubblicamente e ripetutamente il sindaco Falcomatà, la sua amministrazione e l'intero consiglio comunale a compiere, attraverso una decurtazione delle indennità e dei gettoni di presenza, un concreto segnale di vicinanza alle sofferenze delle famiglie reggine, pesantemente assillate dalle conseguenze della gravissima crisi economica che investe la nostra città.

Non si trattava di una sterile e vuota provocazione fine a se stessa, ma segnalavamo come quella proposta rappresentava un gesto già formalmente approvato dal sindaco e dalla giunta comunista di Polistena, i quali, infatti, deliberarono un taglio netto di ben il 35% degli importi delle rispettive indennità di carica.

Noi invitammo Falcomatà a dare l'esempio anche attraverso un taglio minore, ma, come ormai siamo abituati nella nostra città, da parte del sindaco, degli assessori e dei consiglieri comunali non giunse nessuna risposta: un silenzio tombale ed assordante...

Oggi, addirittura, con buona pace del sindaco Falcomatà e dell'assessore senza delega Neri, scopriamo che gli amministratori reggini hanno furbescamente approvato una manovra economica che, nei fatti, prevede un aumento del 20% dei costi della politica.

Insomma, una nuova durissima legnata che affonda ulteriormente la residua credibilità dell'amministrazione Falcomatà e del PD.

Si tratta di un fatto odioso ed inaccettabile poichè offende profondamente i cittadini reggini che sono costretti a pagare importi salatissimi di tasse e tributi comunali a fronte di servizi totalmente inesistenti.

Pertanto, l'inutile guanto di sfida lanciato dall'assessore senza delega Neri nei confronti del direttore Cordova, che ringraziamo per il suo impegno civile, rappresenta la classica toppa peggiore del buco.

Il sindaco Falcomatà e i suoi fidi "renzini" locali se ne facciano una ragione e prendano atto della loro assoluta inadeguatezza e incapacità politico-amministrativa che, ogni giorno di più, emerge impietosamente sulla pelle dei reggini e della nostra martoriata città.

*Segretario cittadino PCI Reggio Calabria

Articoli correlati

L'inchiesta del Dispaccio: http://ildispaccio.it/primo-piano/127174-la-furbata-dell-amministrazione-falcomata-aumenta-i-costi-della-politica-del-20

La replica dell'assessore Neri: http://ildispaccio.it/primo-piano/127268-la-replica-di-neri-costi-della-politica-abbattuti-lontani-i-tempi-delle-furbate

Notizie Flash

quadrante amaranto 185x80px