Dossier
 

La difesa di Sebi Romeo: “Nino De Gaetano, un fardello per me”

romeosebi ildispaccio 28mardi Claudio Cordova - Il consigliere regionale del Partito Democratico, Sebi Romeo, è accusato di tentata corruzione nell'ambito dell'inchiesta "Libro nero", in quanto avrebbe stipulato un patto corruttivo con un maresciallo della guardia di finanza per ottenere informazioni di carattere giudiziario. Per gli inquirenti sarebbe assolutamente verosimile che Sebi Romeo fosse interessato a stringere accordi corruttivi al fine di conoscere eventuali spifferi investigativi sulla sua posizione.

Come egli stesso ha sostenuto nel corso dell'interrogatorio di garanzia davanti ai pm Stefano Musolino e Walter Ignazitto, all'epoca dei fatti non ignorava di poter essere al centro delle attenzioni investigative della Procura della Repubblica. Egli stesso nel corso dell'interrogatorio di garanzia, ha ammesso che era stato eletto in Consiglio regionale, quale sostituto del suo amico e sodale, Nino De Gaetano, costretto a non ricandidarsi per alcune problematiche giudiziarie e, per tale ragioni, le vicende che avevano riguardato il suo predecessore erano divenute "un fardello pesantissimo" anche sulla sua persona. Romeo ha aggiunto che fin dal principio erano state diffuse voci sul suo conto, che lo descrivevano come passibile di gravi ed imminenti provvedimenti giudiziari ["ROMEO S: vi era pubblica discussione di indagini a carico di politici (...) Si ascoltava anche il mio nome in giro, non è che non c'era, okay? (...) è chiaro che io sapevo di essere non attenzionato, di più,va bene?], anche in ragioni dei voti dirottati in suo favore dall'uscente consigliere De Geatano [un sito cosentino lo scriveva! (...) Siccome tu sei stato votato da Nino De Gaetano, verrai arrestato per voti...l'ha scritto! (...)siccome ti ha votato De Gaetano, tu sarai arrestato per voto di scambio]:

"P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Solo poche domande, Onorevole Romeo.Lei in quel periodo storicoaveva percezione del rischio di indagini a suo carico?

IND. ROMEO -.Sinceramente no, anche se nel mondo politico e nel mondo dell'informazione in quel periodo,nel periodo precedente e nel periodo successivo vi era pubblica discussione di indagini a carico di politici.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.A carico di politico o a carico di Romeo Sebastiano?

IND. ROMEO -.Si ascoltava anche il mio nome in giro, non è che non c'era, okay?

P.M. DOTT. IGNAZITTO -. Sì. Non so se ha letto, per esempio, le cose che diceva NaccariCarlizzi, forse...

IND. ROMEO -. Sì, ma l'ha detto a tutta la città.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Diceva; "(inc. voci sovrapposte) arrestato Sebi Romeo".

IND. ROMEO -. L'ha detto a tutta la città, ecco, per esempio quella è una...

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.È nell'informativa.

IND. ROMEO -. Sì, no, nell'informativa non me ne sono accorto, non l'ho letta tutta, chiedo scusa, ho fatto col cerca il mio nome e cognome, ma non ho avuto...

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Cioè voglio dire Lei conferma che era una circostanza che in qualche modo...

IND. ROMEO -. Ma... cioè,allora, Dottore Ignazitto, già nel 2014... allora,noi abbiamo a Reggio un Comune sciolto per mafia, va bene?All'esito di un'attività che mi ha visto protagonista in prima persona, è chiaro che io sapevo di essere non attenzionato, di più,vabene?Io ho subito anche l'incendio dell'autovettura nel duemila...

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Va beh, però sono due cose molto diverse.

IND. ROMEO -. No, per dire io non sono... ho detto prima di non essere un santo e lo confermo,sono un anonimo.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Non è?

IND. ROMEO -.Non sono un anonimo, cioè io sono uno che ha ricoperto incarichi pubblici dal 2001, cioè il primo Sindaco con il quale io venni eletto...

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Cioè che vuol dire quando Lei dice "Non sono un santo"?

IND. ROMEO -. Nel senso che non è che campo nell'aria e le posso dire "Giudice, io nonho mai sentito nulla, per carità" no, assolutamente.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Qui si discute di reati, Onorevole.

IND. ROMEO -. Sì, anchedi reati ho sentito, certo, discussioni sulla politica del tipo "Ci sarà un'ondata", un sito cosentino lo scriveva!

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Va beh, quindi insomma Lei confermail dato che...

IND. ROMEO -.Siccome tu sei stato votato da Nino De Gaetano, verrai arrestato per voti...l'ha scritto! Quindi come faccio io a dire che... c'è scritto.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Ma questo diciamo era...

IND. ROMEO -. Tanto che io l'ho querelato.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Okay. Però diciamo si discuteva di questa cosa.

IND. ROMEO -.Assolutamente,Dottore.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Okay. E Lei ha parlato di DeGaetano, okay? Perché in quel periodo storico...

IND. ROMEO -. Io non ho parlato di De Gaetano.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.L'ha appena detto ora.

IND. ROMEO -. Cioè ho citato, sì,un articolo dove dice: siccome ti ha votato De Gaetano, tu sarai arrestato per voto di scambio.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -. Perfetto, questo è. Cioè Lei mi conferma che c'erache un momento storico in cui c'era questo chiacchiericcio, questo gossip fastidiosissimo quanto Lei vuole, ma c'era.

IND. ROMEO -.Sì.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Era una cosa legata anche... miconferma i suoi rapporti con l'Onorevole De Gaetano? Non so se era Onorevole, Consigliere Regionale era il...

IND. ROMEO -. Sì, sì.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.Assessore...

IND. ROMEO -.Sì, sì,in alcuni casi sì.

P.M. DOTT. IGNAZITTO -.PerchéLei aveva un rapporto diciamosignificativo con il De Gaetano?

IND. ROMEO -.Dottore, anche qui colgo l'occasione della sua domanda per dire una cosa cheè nota a pochissimi, noi votiamo... i calabresi votano per il Consiglio Regionale il 24 novembre del 2014, io vengo candidato la notte del 23 ottobre 2014, perché il mio partito all'atto del deposito delle liste, va bene, caccia due candidati di Reggio, uno di Cosenza e unodi Crotone, perché per la verità è un impianto regionale, sono Sandro Principe,Ciccio Sulla, Demetrio NaccariCarlizzi e De Gaetano Antonino.Quella notte noi siamo... tanto io non lo sapevo,Dottore,noi siamo costretti a cambiare il nome del presentatore della lista perché il nome del presentatore della lista non poteva coincidere con il candidato, cioè la lista del PD della provincia di Reggio l'avrebbe presentata il segretario provinciale del PD di Reggio Calabria, che ero io.Quella notte, come avviene nei partiti, dopo il trauma per i due esclusi, io parlodi Reggio ma questo ha riguardato anche Cosenza e Crotone, una parte... la corrente diciamo che all'epoca faceva riferimento alla minoranza interna, perché aveva prevalso Renzi, scelse di candidare Sebi Romeo, quindi quella parte politica dentro il PD scelse di candidare Sebi Romeo, l'altra parte politica che faceva riferimento all'allora Segretario Nazionale Matteo Renzi scelse di candidare NicolaIrto,vabene?Perché io mi sono permesso di abusare della vostra pazienza?

P.M. DOTT. MUSOLINO -.Per semplificare anche per noi: quindi Naccari spostava i suoi voti a favore di Irto, perchéaveva preparato la sua campagna elettoraleper questo, giusto?

IND. ROMEO -.Esattamente.

P.M. DOTT. MUSOLINO -.EDeGaetano spostava i suoi voti su di Lei, avendo preparato la campagna elettorale...

IND. ROMEO -.Esattamente, esattamente.Tanto li spostava, DottoreMusolino, tanto li spostava nel senso che i Sindaci, i Consiglieri Comunali,i suoi riferimenti, che in quei 28 giorni di campagna... mi permetto di... provo a trasmettere la cosa, cioèioesco di casa,vada a depositare la lista, torno acasa, sono candidato, questa è la dinamica, ma è così. Dice: ma se... è così, va bene? Io non avevo né una sede elettorale, népreparato appunto una campagna elettorale, certo non ero un novellino,ero stato tre volte Consigliere Comunale, no? Non è che ora io...anche qui, no. E mino quasi tutta l'impalcatura, perché ovviamente ciascuno poi non riesce a spostar tutto, ma gran parte... riesce a destinarla su di me,perché io ero il segretarioprovinciale del PD,avevo i riferimenti nella struttura del partito, fra i quali Laganà segretario a Melito, per fareun esempio, e si fa la campagna elettorale.Dopo la campagna elettorale, immediatamente dopo la campagna elettorale, le vicende che avevano riguardato... non esprime un giudizio, io sto dicendo le vicende che avevano riguardato Nino De Gaetano esplodonosulla stampa e diventano,Dottore Musolino, una cosa... tant'è cheio... che ripeto non posso affermare...

P.M. DOTT. MUSOLINO -.Aspetti, dica pure l'aggettivo, sennò resta... queste... deflagrano sulla stampa queste notizie a proposito del coinvolgimento, dei problemi giudiziaridi De Gaetano, e diventano una cosa...Leisi è fermato, una cosa...

IND. ROMEO -.Diventano un fardello,Dottore Musolino, diventano un fardello!Non sto accusando Nino De Gaetano, sto dicendo... no, perché io ci tengo alla correttezza,ecco, diventano un fardello pesantissimo sulla mia persona, perché io... e faccio un esempio che è documentabile, altrimenti io non parlo, hodelle abitudini mie, diventocapogruppo del PD, benissimo, prendo un commercialista esterno, lo nomino, non so nemmeno dove va adaccendere il conto, noi abbiamo quattro Bilanci,a proposito della negatività della mia persona, io mi scuso ma ci tengo un po' a me stesso".

In effetti le voci su possibili "grane giudiziarie" del consigliere Romeo si diffondono, in quel periodo, con una certa insistenza.Ve n'è traccia evidente anche nelle intercettazioni agli atti dell'inchiesta "Libro nero" sulla cosca Libri.

Il 3 settembre 2015 il dentista Mimmo Tortorella e Stefano Sartiano, considerati affiliati alla cosca Libri, discutevano di un'imminente ordinanza custodiale nei confronti dell'uomo politico [TORTORELLA: Non a tutti perché...si parla che è pronto per Sebi. (...) Se, se arrestano a Sebi Romeo è saltata la Giunta di centro sinistra.]:Qualche giorno prima, analoghe previsioni erano state fatte da Demetrio Naccari, anch'egli indagato nell'inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa e in quel periodo autorevole esponente del Partito Democratico [NACCARI: Seby Romeo fra un paio di mesi non sarà più attivo (...)Voto di scambio (...) Arresto...].

Per questo, per gli inquirenti, è assolutamente logico l'interesse del consigliere regionale a sfruttare i favori di un militare operante negli uffici della Procura della Repubblica.Ciò a maggior ragione in quanto il maresciallo della GdF, parlando con Tino Laganà, aveva fatto riferimento, in primis, all'assessore Nino De Gaetano, i cui problemi giudiziari – come s'è visto – costituivano in quei frangenti un "fardello" anche per Sebi Romeo.