Cultura
 

Festival "Leggere&Scrivere": Padellaro presenta il libro "Il gesto di Almirante e Berlinguer"

"Potete vederla su Youtube: a distanza di anni la scena dell'arrivo di Giorgio Almirante a Botteghe Oscure a rendere omaggio alla salma di Enrico Berlinguer mette ancora i brividi e fa riflettere". Lo ha detto il giornalista Antonio Padellaro ospite del Festival Leggere&Scrivere per presentare il libro "Il gesto di Almirante e Berlinguer" (Paper First), che l'ex direttore de "Il fatto quotidiano" ha dedicato a una serie di incontri segreti che i leader del Pci e dell'Msi hanno avuto sul finire degli anni Settanta. "I contenuti di questi incontri - ha aggiunto Padellaro - sono rimasti segreti. Nel mio libro, pero', ho voluto scrivere del contesto e dei gesti. Questi ultimi in politica sono importanti. Senza i gesti le parole non servono. Quegli incontri nascevano dal senso di consapevolezza di Berlinguer e Almirante riguardo la situazione del Paese. Un gesto che sottintendeva rispetto, senso di responsabilita' e amicizia. Queste tre parole oggi sembrano uscite dal panorama politico. Io non sono di quelli che 'quanto si stava bene una volta'. L'Italia di Berlinguer e Almirante era macchiata dal sangue. Oggi viviamo altri problemi ma non c'e' un'emergenza terroristica".

"Una volta la classe dirigente - ha detto ancora Padellaro - si formava dal mondo delle professioni e viveva anni di militanza politica prima di assurgere a posizioni di potere. La comunicazione ha divorato la politica, anzi la politica e' comunicazione fine a se stessa. Quello che conta e' far clamore sui social. I cittadini vogliono capire, bisogna tornare all'antico, parlare di problemi concreti e non solo lanciare slogan. Oggi la lettura dei quotidiani e' scesa di un terzo e c'e' un astensionismo elettorale del 50%. I media e la politica, a questo proposito, si dovrebbero porre qualche domanda".