Cultura
 

Arriva in libreria “Liberi Pensieri”, la prima raccolta di poesie del crotonese Marco Pirillo

È stato presentato il 17 novembre per la casa editrice Controluna – edizioni di poesia, "Liberi pensieri", opera prima dell'esordiente autore crotonese Marco Pirillo. Liberi Pensieri è una raccolta di poesie in versi liberi ispirata dal costante lavoro d'osservazione dell'autore verso l'esterno e al proprio interno.
«È frutto di un lavoro interiore - spiega Marco - durato circa 3 anni». Il libro è attualmente disponibile sui canali on-line come Amazon, Feltrinelli, Biblioteca Universitaria e IBS, ma presto sarà presente anche sugli scaffali delle librerie del territorio di Crotone.

«Sono poesie che spaziano - tiene a precisare il giovane scrittore - su tematiche politico-sociali con la scelta del verso libero per consentire una fluida e libera affermazione di sentimenti e di idee».
Gli argomenti trattati, infatti, non sono altro che i fenomeni politici e sociali in cui l'autore s'imbatte e che gli provocano sentimenti intensi e contrastanti; che scruta con attenzione e analizza in base a quelli che sono i suoi valori cardine, come la giustizia sociale, l'altruismo e l'avversione verso il materiale, l'apparenza e i pregiudizi.
Questa duplice operazione di constatazione della realtà che lo circonda e di profonda riflessione produce l'esigenza di criticare aspramente la società e di riportare in versi una descrizione tagliente e a volte caustica delle vicende.

<in un mondo dove tutti
seguono la norma
e sarete veri anticonformisti,
esercitate la gentilezza
anche se intorno a voi regna
l'avidità e l'egoismo
allora diverrete rivoluzionari>>.

Biografia. Marco Pirillo nasce a Crotone nel 1987. Diplomato in studi tecnici, lavora nel settore commerciale della grande distribuzione. Ha sempre coltivato una grande passione per la lettura, principalmente di romanzi. Da alcuni anni si dedica alla scrittura di poesie come strumento per esternare sentimenti, principi e più in generale una visione del mondo in antitesi con il pensiero dominante, nella speranza di trovare altre voci fuori dal coro.