Crotone
 

Corrado (M5S): “Soddisfatta per area archeologia scoperta dai carabinieri forestali a Umbriatico”

"I Carabinieri forestali di Ciro' hanno reso noto di avere riconosciuto e segnalato alla Soprintendenza un'area archeologica fin qui ignota in agro di Umbriatico. La scoperta di tracce di un insediamento umano, grande o piccolo, più o meno a distante temporalmente dall'oggi, va sempre salutata con soddisfazione, quali che siano le condizioni in cui avviene. Aumenta, detta soddisfazione, quando il ritrovamento si verifica ad opera di chi, pur avendo compiti di controllo del territorio, non è preposto espressamente ad occuparsi di beni culturali. Occorre una particolare sensibilità, da parte dei non specialisti in materia, per riconoscere come manufatti e accreditare importanza a resti archeologici non particolarmente eclatanti, come sembrano essere, dalla fotografia pubblicata, quelli rinvenuti di recente. Il plauso che si deve ai Carabinieri forestali é dunque, in questa circostanza, particolarmente meritato. Grazie a loro, la mappa del popolamento rurale dell'agro che oggi fa capo ad Umbriatico, uno dei centri interni del Marchesato più ragguardevoli per importanza storica, benché sia di fondazione medievale, e per integrità ambientale, si arricchisce di un tassello significativo relativamente alla più recente delle epoche in cui si articola la presenza ellenica nel Sud Italia e, in specie, al popolamento italico (brettio). Il Museo archeologico di Cirò Marina, pochi chilometri più a Nord, purtroppo depotenziato dalla perenne attesa dell'allestimento completo del secondo piano, ospita già numerose testimonianze della stessa epoca e del medesimo orizzonte culturale, sovente piu integre, meglio conservate e di qualità superiore. Difficilmente i frammenti appena recuperati dai Carabinieri forestali vi troveranno posto. Ciò nonostante, per gli studiosi, ogni tassello è importante, perché rende il quadro ricostruttivo più completo e perciò più rispondente alla realtà. Uguale importanza ha o dovrebbe avere per le comunità locali, eredi dirette di quella storia plurimillenaria che le ha modellate e che potrebbe, solo che lo volessero davvero, contribuire al loro riscatto anche economico e ad assicurarne il futuro". Lo afferma Margherita Corrado (M5S Senato).